Tempo di lettura: 1 minuto

benevento2LECCE – Martina Franca-Benevento diventa un caso nazionale. La decisione del prefetto di Taranto di annullare la prevendita a due giorni dalla partita, dopo che era arrivata ad oltre mille biglietti venduti, e di riattivarla a partire da domani con una limitazione a 250 ha generato una sequela di violente polemiche nell’ambiente beneventano, che si è visto privato di quella che potrebbe essere la gara decisiva per la promozione dei giallorossi in Serie B. A dirimere la questione è intervenuto il candidato sindaco per la città sannita per le amministrative 2016, Clemente Mastella, che con un post su Facebook ha annunciato di aver ricevuto rassicurazioni dal Ministro dell’Interno Angelino Alfano, dal capo della Polizia Alessandro Pansa e dal prefetto di Benevento Paola Galeone, da lui contattati personalmente. Stando a quanto dichiarato dall’onorevole, la decisione del prefetto dovrebbe essere rivista nella giornata di oggi, nonostante le problematiche di pubblica sicurezza (dovute all’inadeguatezza  dell’impianto martinese) che avevano portato all’iniziale divieto.

Ecco il testo del post di Mastella:

Dando opportuno seguito alle sollecitazioni giunte da parte di tanti cittadini, ho sentito questa sera il Ministro dell’Interno Angelino Alfano, il capo della Polizia Alessandro Pansa, ed il prefetto di Benevento Paola Galeone, per chiedere un intervento urgente finalizzato a rivedere la decisione di ridurre il numero di tagliandi a disposizione della tifoseria giallorossa, per il prossimo match contro il Martina Franca. Mi hanno assicurato che domani sarà rivista la decisione di limitare la partecipazione. In attesa del riscontro di domani, ringrazio a nome della città tutti i rappresentanti istituzionali che hanno voluto garantire il proprio contributo di solerzia e di buon senso affinché questo risultato potesse essere raggiunto. Ora non resta che vincere: forza Benevento!

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.