Basket, oggi il primo dentro o fuori per l’A.P Nardò. Di Pasquale: “C’è tensione, ma il pubblico…”

Alessandro Di Pasquale, coach dell'Andrea Pasca Nardò

Alessandro Di Pasquale, coach dell’Andrea Pasca Nardò

NARDO’- Comincia il periodo clou della stagione dove ogni match può decretare la parola “fine” del sogno promozione dell’Andrea Pasca Nardò, dominatrice della regular season della Serie C Pugliese di basket. Alle ore 20:30 al PalAndrea arriverà l’Olimpica Cerignola, ottava classificata nella regular season. Il coach della compagine neretina ha descritto il momento ai taccuini della Gazzetta del Mezzogiorno: “Sicuramente c’è un po’ di tensione  ma ci stiamo preparando da molto tempo, siamo giunti fin qui rispettando quanto ci eravamo prefissi sin dallo scorso agosto: giocarci i playoff da primi classificati e con la squadra al completo. Nelle ultime partite abbiamo lavorato in questo senso. Posso dire di aver avuto l’imbarazzo della scelta nelle convocazioni. Massima concentrazione e impegno ma non dimentichiamo in fondo che gli avversari giocheranno in casa della capolista di fronte ad un pubblico caloroso che incita costantemente la squadra e che certamente farà la sua parte”.

Il coach beneventano critica poi la formula dei play-off, rischiosi nelle fasi regionali in quanto sbagliando una partita tutto andrebbe in fumo: “Abbiamo disputato un campionato sempre al primo posto – evidenzia Di Pasquale- e con pochissime battute d’arresto ed ora in una sola partita ci giochiamo un anno di lavoro, questa formula non ci premia; non tiene conto dei risultati ottenuti e del merito e mette sullo stesso livello, la prima e l’ottava classificata. Viene da pensare che non ci sia alcun vantaggio ad investire in una squadra. In altre regioni come Sicilia e Campania le prime due invece sono in vacanza, posso ricaricare le pile e torneranno in campo a maggio direttamente nella fase interregionale”.

0
0

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*