Tempo di lettura: 2 minuti
mauro
Mirko Mauro, difensore del Gallipoli

GALLIPOLI – Dare tutto in 90’ per rimettere tutto in discussione nella lotta salvezza. Il Gallipoli, penultimo in classifica, si prepara all’incrocio di domenica con l’Aprilia, compagine che occupa il terzultimo posto a sei lunghezze proprio dalla formazione di mister Germano. Tra le sicurezze dell’undici tipo c’è Mirko Mauro, terzino destro gallipolino doc. Al “Gobbato”, i giallorossi hanno sfoggiato il proprio carattere, mettendo a segno il secondo punto in trasferta, un risultato che dà forza al gruppo jonico: “E’ stato un punto prezioso per come si era messa la partita. – ricorda Mauro – Rimontare due gol, da 2-0 a 2-2 a Pomigliano a una squadra come la loro è stata una bella cosa. Questo punto ci ha dato morale, ora siamo pronti per affrontare la partita. Quando la mia squadra fa bene – chiosa il terzino giallorosso – sono contento anche se gioco male, insieme bisogna cercare la salvezza”.

Tra le mura amiche il Gallo non dovrà sbagliare l’approccio mentale: “Col San Severo stavamo facendo un’ottima partita, soprattutto nel secondo tempo. Il calcio è poi fatto da episodi e in quell’occasione è girato tutto male. Domenica dobbiamo metterci la solita grinta, – continua –  e tanto cuore, e cercare di innescare la giocata singola che può sfoderare per esempio Mattia Negro o tutti i compagni dell’attacco. Al di là di quello, ripeto, dobbiamo far vedere cuore e grinta”.

Questa stagione ha segnato il ritorno a buoni livelli del terzino ex Maglie, reduce da un campionato caratterizzato da tanti stop: “A differenza dell’anno scorso, periodo pieno d’infortuni, questa stagione va meglio. Sono tornato, come tutti mi dicevano, il Mauro di una volta, quello che sulla fascia andava sempre a mille. Questo mi fa piacere e cerco di concludere la stagione al meglio aiutando il Gallipoli a salvarsi”.

Mauro descrive poi le sensazioni provate nel giocare senza l’apporto dei tifosi: “Purtroppo scendere in campo senza tifosi è sempre brutto, – chiosa – a maggior ragione per me che sono gallipolino, lotto sempre per la maglia e per la città. Lo stadio è comunque casa loro, però se hanno preso questa decisione, che è un peccato, noi dobbiamo andare avanti lo stesso. Dobbiamo conquistare questi tre punti per forza e riaprire il discorso salvezza. Sono convinto che tutti, compresi mister e presidente, ci toglieremo tanti sassolini. Ci meritiamo il meglio, in tutto e per tutto”.

Ai nuovi arrivati Petrigni e Fadl, Mauro presenta il credo del gruppo: “I nuovi? Sono arrivati da poco. Chi viene adesso qui si deve mettere in testa una cosa: bisogna pedalare tanto per fare meglio e macinare punti. Loro lo sanno – conclude – e appena entrano nel nostro spogliatoio danno il massimo”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.