Tempo di lettura: 2 minuti
germano
Mister Antonio Germano

TORRE DEL GRECO- Mister Antonio Germano non nasconde il rammarico per il passo falso rimediato al “Liguori” di Torre del Greco, dove il suo Gallipoli ha ceduto il passo ai padroni di casa per 3-1. Le dichiarazioni riprese da tuttoturris.com denotano la soddisfazione soltanto parziale per un buon primo tempo espressa dall’ex allenatore del Sansovino: “Abbiamo disputato un primo tempo perfetto, riuscendo a macinare gioco al cospetto di un avversario che tra le mura amiche aveva sempre fatto bene e trovando meritatamente il vantaggio”.

L’andazzo è cambiato poi nella ripresa: “Siamo stati troppo molli e poco propositivi nei secondi 45’, prestando eccessivamente il fianco alle incursioni della Turris. Probabilmente abbiamo speso nei nel primo tempo di gioco tutte le energie a disposizione, subendo inevitabilmente il ritorno dei padroni di casa. Quanto c’è da recriminare? Avremmo dovuto prestare più attenzione nell’azione che ha consentito alla Turris di pareggiare. Non è ammissibile perdere un pallone del genere a centrocampo e subire poi gol in contropiede. Quanto all’episodio del rigore, per quanto non mi piaccia entrare nel merito delle decisioni arbitrali, credo che qualche dubbio ci sia. Bravo ed esperto l’attaccante avversario a lasciarsi cadere”.

L’allenatore calabrese cerca di guardare avanti, non focalizzandosi sui passi avanti delle altre compagini impegnate nella lotta per non retrocedere: Adesso è inutile pensare alla sconfitta di Torre del Greco o ai risultati delle dirette concorrenti nella corsa alla salvezza. Dobbiamo solo trovare la forza e la lucidità necessarie per reagire a dovere e riprendere a far punti per scansare le ultime posizioni. A cominciare dalla prossima gara interna contro il San Severo. È tra le mura amiche che dobbiamo costruire la nostra salvezza. Questo è un girone di ferro – conclude mister Germano– , ogni settimana le insidie sono dietro l’angolo, ma riprendendo a far punti almeno tra le mura amiche, potremo dire la nostra in chiave salvezza”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.