Tempo di lettura: 2 minuti

image1Il Segretario Provinciale, Salvatore PICONESE, nella relazione introduttiva che ha aperto i lavori della Direzione provinciale del partito tenutasi nel pomeriggio di oggi presso il Coordinamento provinciale di Via Tasso, fa un’analisi del voto delle Regionali e Amministrative del 31 maggio scorso.

Piconese parte dal dato nazionale e mette in luce il risultato preoccupante del Partito Democratico, il quale perde in generale consensi rispetto alle regionali e amministrative del 2010, con la sconfitta in Liguria e in Veneto e in città importanti come Venezia e Arezzo.

Il tutto in presenza di un alto tasso di astensionismo e di una compagine di centro destra in profonda condizione di crisi politica.

E se il Pd in ambito nazionale perde voti, nel Salento, puntualizza il Segretario Provinciale, invece, aumenta i consensi rispetto alle Regionali del 2010 (tra i  pochi casi in ITALIA) e si conferma “primo partito” in Puglia per voti e percentuali, confermando il “trend positivo” inaugurato alle Europee dello scorso anno.

«Tale risultato è frutto del lavoro politico svolto dalla Segreteria Provinciale nella costruzione della Lista del PD alle Regionali. Una lista forte e unitaria che ha messo in campo le risorse migliori che il partito poteva esprimere a livello provinciale. Una lista fatta di uomini e donne, dirigenti e amministratori locali, che ha saputo creare entusiasmo e consenso sul territorio, eleggendo due consiglieri regionali, Blasi e Abaterusso, i quali risultano i più suffragati di Puglia ».

E Piconese ribadisce lo stesso concetto anche per le Amministrative: «Anche il risultato delle Amministrative ci dimostra che il PD salentino è vivo e riesce, in ambito locale, a diventare classe dirigente aumentando il numero dei cittadini amministrati rispetto al passato, strappando al centro destra, dopo un decennio, i comuni di Calimera e Monteroni ».

Continuando nella relazione, il Segretario Provinciale evidenzia il lavoro fatto e quello da fare nei prossimi mesi, in particolare sottolinea ai membri della Direzione provinciale: «E’ necessario continuare con la fase di cambiamento e col lavoro politico avviato nell’ultimo anno e mezzo da questo giovane gruppo dirigente, a partire dall’organizzazione del partito sul territorio, superando alcune criticità e carenze strutturali mediante un impegno immediato sul piano della riorganizzazione e della formazione politica dei quadri dirigenti del partito».

E nella conclusione dell’intervento, Piconese lancia l’agenda politica del partito provinciale dei prossimi tre mesi: «Il PD salentino apre la discussione su temi e proposte politiche con un coinvolgimento diretto dei circoli, con incontri specifici che partiranno la prossima settimana, affrontando alcune questioni chiave come la riforma degli enti locali, la modernizzazione infrastrutturale del Salento e la programmazione dei fondi comunitari europei, al fine di raccogliere contributi e idee per la Conferenza Programmatica che si terrà nel prossimo mese di  settembre».

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato integralmente così come è giunto in Redazione . Pertanto questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di “Leccezionale”.

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.