Tempo di lettura: 2 minuti

UNESCO 1Il 22 giugno, tre candeline per il Movimento Culturale Valori e Rinnovamento. Il Movimento, presieduto da Wojtek Pankiewicz, compie, infatti, come risulta dall’atto costitutivo, tre anni e decide di festeggiarli rilanciando con forza una delle sue proposte più importanti, formulata, all’interno del progetto “Salento Ideale”, il 9 settembre dello scorso anno, nel corso di una conferenza stampa col testimonial d’eccezione Edoardo Winspeare : l’iscrizione di Lecce e del Salento nella lista del PATRIMONIO MONDIALE CULTURALE E NATURALE DELL’UNESCO.

 “Sarebbe molto bello e significativo – afferma Pankiewicz – che l’iniziativa partisse proprio nell’anno 2015, proclamato dall’ONU, Anno Internazionale della Luce, 2015, che è pure l’anno di Lecce Capitale Italiana della Cultura. Festeggeremo perciò il prossimo 22 giugno, il nostro terzo compleanno, ricordando e rilanciando la nostra proposta e riflettendo, inebriandoci di atmosfere d’incanto, sui merletti di luce delle Chiese e dei Palazzi barocchi di Lecce e sui ricami di luce del paesaggio salentino. Infatti, due dei temi ufficiali dell’Anno Internazionale della Luce sono:  “La Luce in Natura” e “La Luce e la Cultura”. Quale circostanza migliore e più significativa allora per Lecce e per il Salento per ufficializzare la sua richiesta”.

“La proposta di Lecce e il Salento, Patrimonio dell’Umanità UNESCO – prosegue Pankiewicz – fu accolta con grande favore dall’opinione pubblica e anche, nei contatti intercorsi, dal sindaco Paolo Perrone e dal Presidente Antonio Gabellone. Comune di Lecce e Provincia avrebbero dovuto produrre l’istanza e seguirne l’iter. Proprio oggi ho scritto loro una lettera  richiamando i precedenti contatti ed esortandoli ad avviare le procedure di inserimento. Infatti, le risorse artistiche e naturali del Salento sono enormi. Lecce e il Salento hanno le carte in piena regola perchè si possa presentare la candidatura per essere inclusi come sito nella lista del PATRIMONIO MONDIALE CULTURALE E NATURALE DELL’UNESCO . Lo abbiamo ampiamente dimostrato in quindici giorni di qualificanti iniziative, dal 16 al 30 maggio scorso, con la rassegna “BAROCCO CHE INCANTA. LECCE OLTRE IL VISIBILE”,  organizzata da noi di “Valori e Rinnovamento” e inserita dall’apposita commissione del Ministero dei Beni Culturali nel Portale degli eventi di Expo 2015“.

“Sono fiducioso – ha concluso Pankiewicz – anche conoscendo la sensibilità di Perrone e Gabellone che ora sia il Comune che la Provincia vorranno formalizzare la complessa, ma importantissima istanza. Noi di “Valori e Rinnovamento”  siamo fermamente convinti che l’Economia della Bellezza e il turismo delle identità siano risorsa strategica e volano della crescita economica e sociale di Lecce e del Salento  e che l’iscrizione nella lista UNESCO aumenterebbe enormemente la capacità di promozione  del territorio e quindi la potenza di attrazione dell’immagine del Salento nel mondo.

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato integralmente così come è giunto in Redazione . Pertanto questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di “Leccezionale”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.