CONDIVIDI

bari-lecce-0-2-autogol-masielloLECCE – La doppia retrocessione dell’U.S. Lecce figlia della tentata combine nel derby Bari-Lecce del 15 maggio 2011 è una ferita ancora aperta per tutti i tifosi giallorossi, ma oggi la Corte d’Appello di Bari ha sancito per la prima volta che può esistere anche un “danno da passione sportiva tradita” e che, come tale, va risarcito. Nell’udienza che si è svolta nel capoluogo regionale, è stato riconosciuto a 170 supporters leccesi (su un totale di 260, contando anche quelli di fede barese) che si erano costituiti come parte civile (su invito degli avvocati Milli e Calabro) un risarcimento di 400 euro ciascuno che dovranno essere pagati insieme alle spese processuali dall’allora presidente della società salentina, Pierandrea Semeraro, e dall’imprenditore salentino Carlo Quarta, che erano accusati di frode sportiva.

AS Bari v Lecce - Serie ALa sentenza ha confermato la condanna ad un anno e sei mesi (pena sospesa) per i due imputati coinvolti nel tentativo di “aggiustare” il risultato del derby vinto sul campo per 2-0 dai giallorossi. Entrambi dovranno pagare anche una multa da 10.000 euro. Assolto, invece, Marcello Di Lorenzo, a cui erano stati inflitti 9 mesi in primo grado, per non aver commesso il fatto. 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.