When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

La Curva Sud della Reggina chiude per repressione

comunicato-curva-sud-regginaLECCE – Dopo i fatti di Trapani (leggi qui), prosegue una settimana intensa per il movimento ultras del Girone C di Serie C. Nonostante la gara allo stadio “Via del Mare di Lecce sia stata aperta anche ai non tesserati, la Reggina non potrà contare sull’apporto dei propri ultras. La Curva Sud di Reggio Calabria ha infatti diramato un nuovo comunicato in cui annuncia l’intenzione di non proseguire più la propria avventura e perciò di non esporre più lo striscione “Chiuso per repressione” nè in casa, nè in trasferta a causa dei 9 daspo emessi dal Questore del capoluogo calabrese nei confronti dei supporters amaranto responsabili dell’esposizione di striscioni offensivi durante la partita interna col Catania.

Questo il testo del comunicato: “Con questa nota, a seguito delle ennesime e mirate diffide che hanno falciato la nostra curva, ci teniamo ad informare che non ci sono più i presupposti né le condizioni per proseguire questa avventura. Non sarà più presente lo striscione ‘Chiuso per repressione’ che identificava la Sud di Reggio Calabria in casa ed in trasferta e ci dissociamo da qualunque forma di seguito e tifo organizzato. Non è un addio ma un semplice arrivederci… CHIUSO PER REPRESSIONE!

reggina-catania-striscioneNon si tratta della prima forma di protesta in questa stagione da parte della frangia più accesa di tifosi reggini (ad esempio contro Catanzaro e Matera), ma stavolta si va oltre lo “sciopero” ed il restare in silenzio durante le partite giocate dalla formazione di mister Maurizi. Il braccio di ferro fra ultras e forze dell’ordine, tra divieti di trasferta, ripetute denunce e relativi daspo hanno portato la Curva Sud ad alzare bandiera bianca ma, come scritto nel comunicato, in maniera non definitiva.

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*