CONDIVIDI

foto-12MELENDUGNO (di Carmen Tommasi) – Una serata allegra e festosa all’insegna del rugby e della musica: tutto in stampo salentino, con l’entusiasmo e le buone speranze di chi sta per iniziare un nuovo percorso sportivo. Quello della Svicat Rugby Asd che domenica prossima in quel di Catania darà inizio alla nuova stagione, 2014-15, in serie B guidata dall’esperto coach Peens. La Villa Comunale di Melendugno ha ospitato “Music and Rugby”, manifestazione condotta da Giovanni Conversano e dall’addetto stampa degli evergreen Dario Stefanelli, occasione in cui è stata presentata ai tifosi la rosa ufficiale dei leoni verdi.

ENTUSIASMO CAMILLI – Il primo a salire sul palco è stato il direttore generale della formazione salentina Fabrizio Camilli, sempre con il sorriso sulle labbra e con la rinnovata carica emotiva per la nuova avventura stagionale: “Desideravo dire che la nostra squadra ha puntato sulla crescita dei ragazzi. I miei giocatori crescono -spiega Camilli-, ci danno tante soddisfazioni e hanno uno spirito identitario tutto salentino. Sono di Guagnano, Trepuzzi, San Pancrazio, Campi e sono imprenditori che investono su loro stessi. Prendere tante botte la domenica e poi il lunedì andare a lavorare non è facile: ringrazio tutti loro per avemi dato la forza per andare avanti. Obiettivo stagionale? Inizia con la lettera A, amore per questo sport e terra. Il tutto vuol dire andare in serie A”, dichiara sicuro il d.g. dei salentini.

IL SINDACO – Soddisfazione anche da parte del sindaco di Melendugno Marco Potì:”Per foto-13noi è un enorme piacere ospitare la Svicat e già dall’anno scorso è stato così nello Svicat Stadium, ma non avevamo fatto, però, una presentazione ufficiale per unire spettacolo e sport che è uno dei nostri obiettivi. Questa squadra milita nella serie B Nazionale e auguro a tutti loro il meglio”, conclude il primo cittadino melendugnese. La serata è stata l’occasione per premiare due squadre salentine di ciclismo: la Gs Piconese e Mondo Sport, e per presentare la maglia da trasferta, con la gradita novità della presenza del prestigioso simbolo FIR Puglia, motivo di orgoglio per la squadra allenata da Peens.

LA ROSA – Poi arrivano sul palco i veri protagonisti della serata, tutta la rosa della Svicat e il suo staff. Dario Stefanelli presenta prima la vecchia guardia a partire da Federico Pagliara, Stefano Pagliara, Fabio Pagliara, Matteo Mendrino, Danilo Santillo, Luigi Maci, Riccardo Capoccia, Gianmarco Capoccia, Francesco De Gioia, Mirko Corbascio, Federico Brillantina, Simone Rapanà, Giacomo Civino e il dirigente-accompagnatore Francesco Occhineri. Insieme ai nuovi arrivati Gonzalo Escobar Garcia, i gemelli Alberto e Andrea Forte, Dario Panaro, Giuseppe Stano, Francesco Scardia e Giuseppe Puscito. Il coach in seconda Tommaso Invidia e il team manager Giovanni Romano. Antonella Lionetti, colei che cura tutto l’aspetto amministrativo del club. E il professor Calabrese, preparatore atletico degli ervergreen che assicura: “I ragazzi stanno bene e sono pronti per il match di domenica”. Infine, è stata la volta di Paolo D’Oria, capitano e anima della squadra che si è infortunato al ginocchio, come ha fatto sapere Fabrizio Camilli.

foto-14“LA GENTE” – Dopo la presentazione della rosa e del nuovo progetto sportivo si è chiusa la serata in bellezza e sul palco è stata la volta della band, La Gente. Gruppo salentino che dal 2010 ad oggi ha condiviso palcoscenici importanti con i conterranei Après La Classe e Roy Paci, con i milanesi Ministri e Afterhours e con la rockband aretina i Negrita. Il frontman Antonio Camilli e i suoi hanno chiuso l'”appuntamento” in allegria, in attesa del big match di domenica prossima in terra siciliana. L’emozione è tanta, infinita, e lo si legge negli occhi di capitan Paolo D’Oria che alla domanda su quale sia stata la meta più bella della sua carriera risponde: “Quella che farò domenica prossima a Catania”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.