Tempo di lettura: 3 minuti

pedro-costa-ferreiraLECCE – Prima conferenza stampa da calciatore del Lecce per la mezzala portoghese Pedro Miguel Costa Ferreira, arrivato in giallorosso dalla Virtus Entella e subito inseritosi perfettamente negli schemi di gioco dettati da mister Padalino così come nel gruppo dei compagni di spogliatoio. Su di lui la società salentina punta molto e lo conferma il contratto che gli è stato fatto firmare per convincerlo a scendere di categoria ed accettare di confrontarsi in Lega Pro con una realtà quasi del tutto nuova. Stamane il numero 8 del Lecce ha incontrato nella sala stampa “Sergio Vantaggiato” i giornalisti per fare il punto della situazione e raccontare il suo ambientamento in maglia giallorossa: “All’inizio non è stato facile conquistare un posto da titolare perchè questa squadra aveva ed ha una sua identità, con bravissimi giocatori, per cui il mio inserimento è stato graduale, anche in considerazione del fatto che non ero in perfette condizioni fisiche. Comunque prestissimo sarò al cento per cento e potrò dare una mano a questa squadra, intanto già a Reggio Calabria ho giocato per tutti e 90 i minuti”.

Doumbia SiracusaPADALINO E L’INTESA CON I NUOVI COMPAGNI-Se sembriamo già affiatati il merito va al mister, che è preparatissimo e fa giocare al calcio la sua squadra, motivo per cui ho scelto di venire a Lecce. Con lui, che si ricordava di me per una doppietta che gli segnai quando era al Foggia ed io al Messina, lavoriamo per tutta la settimana e siamo bravi noi a seguire quel che ci dice insieme al suo staff. Avendo compagni così tecnici, poi, è più facile parlare lo stesso linguaggio calcistico. Mi sta colpendo molto Doumbia che potrebbe giocare tranquillamente in Serie B, come pure Drudi“.

IL RUOLO TATTICO-  “Ho giocato in passato anche da trequartista, ma poi ho ricoperto il ruolo di mezzala e credo che questo sia il ruolo che più si addice alle mie caratteristiche ed in cui posso mostrare tutte le mie qualità. Qui mi sto inserendo nei meccanismi della squadra in maniera graduale e quindi andiamo avanti per questa strada”.

Curva nord Lecce-PaganeseLA REALTÀ DELLA LEGA PRO E I TIFOSI- “Ad essere sincero, non mi aspettavo che il Girone C fosse così tosto, così duro. Anche sabato contro la Reggina, che è una squadra che lotta per non retrocedere, abbiamo avuto qualche difficoltà. Ovunque si vada, gli avversari ti aspettanoperché vogliono fare risultato contro il Lecce. Quello che invece mi aspettavo è il calore dei tifosi giallorossi; avevo visto dei filmati e sabato sarà bello tornare a giocare davanti ai nostri tifosi che ci dovranno dare una mano. Sto imparando a conoscere anche la città: ovunque vado tutti ti salutano, ti vogliono offrire il caffé, ti chiedono la maglia… La domenica non resta che dare tutto in campo per ripagarli di tanto affetto”.

IL CALENDARIO- “Credo che sia un vantaggio giocare gli scontri diretti fuori casa e, tra l’altro, il Lecce ha dimostrato di trovarsi meglio in trasferta. Le tre sconfitte del Matera? Non sono sorpreso, in quanto hanno affrontato avversari di una certa caratura quali Catania, Francavilla e Foggia. Mancano diverse giornate alla fine del campionato e non credo che siano tagliati fuori dal discorso primo posto, è ancora tutto aperto e la stessa cosa vale per la Juve Stabia“.

vibonese-lecce-2-2LA VIBONESE-Non bisogna prendere la gara sottogamba, né sottovalutarli perché sono andati a fare risultato a Caserta dove noi abbiamo perso. Quindi queste sono queste le partite più pericolose del campionato. Se riesci a portare a casa certe gare, che sulla carta sono facili ed invece sono difficili, metti un altro mattoncino e magari riusciamo anche ad allungare in classifica“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.