Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE (di Massimiliano Cassone) – Errare è umano, non ammetterlo o fare finta di nulla sarebbe diabolico per una persona che come me antepone la verità a qualsiasi interesse personale. L’altro giorno ho erroneamente scritto che Stefano Pessina era nella cordata che sta per rilevare l’US Lecce;  un Pessina c’è nella cordata, e questo posso confermarlo,  ma non è il numero uno del colosso farmaceutico ma bensì un imprenditore edile.

Accade di sbagliare, è stata un’incomprensione con la mia fonte che, preso dalla foga di confermarmi il nome, ha sbagliato, io mi sono fidato ed è accaduto di raccontare qualcosa di impreciso.

Ovvio che l’errore è mio e non è addebitabile a nessuno, però come in altre 99 volte non ho mai sbagliato quando ho scritto una notizia, questa volta è successo. Faccio il “mea culpa”.

Sul lato della trattativa tra TesoroSticchi Damiani tutto prosegue nel verso giusto e mi impegno nei prossimi giorni di fornirvi le giuste informazioni.

Il Lecce comunque avrà un futuro e sarà un futuro roseo.

Chiedo scusa ai lettori, miei unici padroni, per l’accaduto.

Commenti

2 Commenti

  1. Questo va davvero a suo onore. Quando mai un giornalista si scusa delle castronerie scritte, o rettifica? Molto, molto raramente, di sicuro molto meno di quanto dovrebbe.

Rispondi a gigio Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.