Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE (di Massimiliano Cassone) – Errare è umano, non ammetterlo o fare finta di nulla sarebbe diabolico per una persona che come me antepone la verità a qualsiasi interesse personale. L’altro giorno ho erroneamente scritto che Stefano Pessina era nella cordata che sta per rilevare l’US Lecce;  un Pessina c’è nella cordata, e questo posso confermarlo,  ma non è il numero uno del colosso farmaceutico ma bensì un imprenditore edile.

Accade di sbagliare, è stata un’incomprensione con la mia fonte che, preso dalla foga di confermarmi il nome, ha sbagliato, io mi sono fidato ed è accaduto di raccontare qualcosa di impreciso.

Ovvio che l’errore è mio e non è addebitabile a nessuno, però come in altre 99 volte non ho mai sbagliato quando ho scritto una notizia, questa volta è successo. Faccio il “mea culpa”.

Sul lato della trattativa tra TesoroSticchi Damiani tutto prosegue nel verso giusto e mi impegno nei prossimi giorni di fornirvi le giuste informazioni.

Il Lecce comunque avrà un futuro e sarà un futuro roseo.

Chiedo scusa ai lettori, miei unici padroni, per l’accaduto.

Commenti

2 Commenti

  1. Questo va davvero a suo onore. Quando mai un giornalista si scusa delle castronerie scritte, o rettifica? Molto, molto raramente, di sicuro molto meno di quanto dovrebbe.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.