Tempo di lettura: 1 minuto

Diritti t, leccezionale,itLECCE – Diritti TV 2015-2018: per ora è un nulla di fatto. La scadenza per decidere l’assegnazione di quelli relativi al campionato di Serie A è stata, infatti, rinviata a mezzanotte, spostando così di 12 ore il termine previsto per .l’attribuzione E’ ormai notorio che la Lega Calcio auspichi di raggiungere, seppure in extremis, un accordo tra il colosso di Rupert Murdoch, ossia Sky e l’italiana Mediaset in modo tale da non doversi imbarcare in antipatici e certo non graditi strascichi giudiziari.

I club, ingolositi dall’enorme mole di denaro messa sul piatto della bilancia per il prossimo triennio (1078 milioni di euro all’anno), hanno tentato di agevolare il raggiungimento di un accordo tra i contendenti (intanto è ufficiale che Sky trasmetterà anche sul digitale) entro il termine originariamente fissato tentando di chiudere l’asta tra le due emittenti assegnando a Sky i diritti per trasmettere gli eventi sul satellite ed a Mediaset quelli relativi alla piattaforma del digitale terrestre. Si trattava di favorire, in tal modo, un risparmio di 135 milioni di euro.

Se accordo non sarà, la maggioranza delle società di massima serie pare orientata a massimizzare i ricavi concedendo un pacchetto per il digitale terrestre pure a Sky, un altro pacchetto per il satellitare, mentre a Mediaset verrebbero riservati gli scontri diretti di 12 squadre. Ma neppure tale strategia sembra attuabile, dal momento che alcune “grandi” società, tra le quali Juventus, Roma, Napoli e Fiorentina  chiedono di rifare il bando. Un escamotage per sbloccare lo stato di impasse potrebbe esser rappresentato dall’inserire nell’accordo anche i diritti della Champions League che dal 2015 sarà un’esclusiva delle reti Mediaset.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.