Tempo di lettura: 3 minuti

Lerda, leccezionale.itLECCE (di Massimiliano Cassone) – Tutto arriva per chi sa aspettare; e mentre per i tifosi sarà una gara speciale, la gara delle gare, la più importante dell’anno, per il Lecce sarà una partita da giocare come ha sempre fatto, con equilibrio e umiltà. È questo il pensiero di Franco Lerda che subito dopo l’allenamento di rifinitura si è presentato in Sala Stampa; è apparso sereno oltre che motivato.

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE – Questa settimana abbiamo lavorato in modo tranquillo e sereno e le condizioni climatiche ci sono state amiche dandoci la possibilità di esprimerci al meglio. I ragazzi sono pronti per affrontare il Frosinone. Domani noi dobbiamo affrontare la gara come abbiamo sempre fatto e come sappiamo fare. Indipendentemente dall’avversario nei sei mesi in cui ho preso in mano la squadra ho sempre chiesto umiltà e concentrazione. C’è da dire che per infortuni e squalifiche non ho mai potuto schierare la stessa formazione per due domeniche di fila; quindi indipendentemente da chi scende in campo, il Lecce sa quello che deve fare. Siamo un grande gruppo e non conta chi gioca, sono tutti titolari. Anche perché quando dopo sei giornate, ti chiami Lecce ed hai solo un punto in classifica e riesci a fare questa rimonta, significa che possiedi una grande forza morale”.

PRESENTI E ASSENTI – Mancheranno Martinez per squalifica, mentre D’Ambrosio e Sacilotto per infortunio. Tornano Bogliacino, Sales e Bellazzini e mister Lerda afferma: La vera novità tra i convocati è Bellazzini; fece la sua ultima partita quasi sei mesi fa a Pagani (13 ottobre). Sono molto contento che ora stia bene e sia rientrato”.

TIFOSI – “L’apporto dei tifosi sarà importantissimo. Ci tengo a dire però che la Curva Nord, la nostra Curva, è stata sempre presente. Per domani ci terrei che la cornice di pubblico fosse ancora più importante”.

PERUGIA E FROSINONE – Prima della gara contro il Grosseto affermò che arrivando a quota 64 punti ci sarebbe stata l’opportunità di staccare il biglietto per la B diretta, oggi, seppur in punta di piedi, è sempre della stessa idea anche se: “Non dipende soltanto da noi. Il Lecce deve pensare a vincere le altre due partite anche se ciò potrebbe non bastare: se gli avversari faranno ciò che devono anche loro, allora nemmeno a 64 punti arriveremmo direttamente in B. Non penso alla gara del Perugia, assolutamente no, anche perché oggi il mio unico obiettivo è battere il Frosinone o, per meglio dire, cercare di battere il Frosinone; poi si vedrà. Anche perché, la squadra di Stellone è forte, arcigna e lotta sempre fino al triplice fischio e non è un caso se molte partite le ha vinte oltre il novantesimo, non è fortuna, è carattere, quindi noi dobbiamo affrontarli rispettandoli”.

MORIERO – Quando gli è stato chiesto cosa pensasse delle parole di apprezzamento che Moriero, nelle scorse ore, ha avuto per lui, ha risposto così: “Non ho avuto il tempo di leggere nulla perché sono arrivato questa mattina ed abbiamo subito iniziato a lavorare. Con Moriero c’è un ottimo rapporto e molte volte si è fermato con me ed abbiamo parlato insieme. Lo ringrazio per le belle parole, ho grande stima di lui”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.