Tempo di lettura: 2 minuti

Per il 32enne Emanuele “Big” Leo si avvicina un appuntamento spartiacque: iniziare a sognare traguardi  importanti o dover ridimensionare progetti e speranze. Per il copertinese Leo e anche per il tecnico Francesco Stifani, è il momento della verità. Nei giorni scorsi è arrivata nel Salento una telefonata da parte del manager Salvatore Cherchi dell’OPI 2000 di Milano. Il tutto per comunicare a Leo e Stifani, la possibilità della sfida contro il britannico Anthony Joshua, al suo esordio nei professionisti e noto soprattutto per aver battuto durante la discussa finale di Londra 2012, l’azzurro Roberto Cammarelle.

L’annuncio ufficiale per Leo, è ovviamente giunto da Londra da parte di Eddy Hearn, proprietario della potente organizzazione inglese Matchroom Promotion. Sarà quindi l’imbattuto peso massimo pugliese Leo (9 vittorie impreziosite da 3 ko), peraltro reduce dal successo ai punti di domenica 22 settembre scorso sull’ungherese Sandor Balogh, ad affrontare il prossimo 5 ottobre alla O2 Arena di Londra, l’inglese Joshua.

«Abbiamo ricevuto questa sfida praticamente pochi giorni addietro, quindi insieme a Leo non c’è stato il tempo fisiologico per preparare con tutti i crismi questo match  -spiega il tecnico della BeBoxe, Francesco Stifani- Peraltro dopo la vittoria contro Balogh dello scorso 22 settembre eravamo in una fase di rilassamento; poi è giunta la chiamata che ha scombussolato i programmi. Detto ciò, non abbiamo voluto rifiutare questo appuntamento: siamo consapevoli del fatto che questo genere di inviti non capitano certo tutti i giorni. Nonostante Anthony Joshua sia all’esordio nei Prof, siamo consapevoli della sua forza, quindi ci prepariamo per l’incontro di sabato in punta di piedi ma determinati a far bene. Non nascondo che proprio questo match, potrebbe chiarire meglio le idee un po’ a tutti: difatti, qualora Leo dovesse disputare un buon match, potrebbero spalancarsi improvvisamente delle porte molto interessanti e non parlo solamente quelle per il titolo italiano. In caso di una sconfitta cocente invece, come il pugilato insegna, si potrebbero seriamente ridimensionare molti nostri progetti».

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.