Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE (di Carmen Tommasi) – Il patron Tesoro Savino, è ancora in viaggio verso il Salento all’indomani della prima debacle stagionale della sua squadra contro la Salernitana di mister Sanderra; una partita che, secondo il numero uno giallorosso, poteva essere gestita meglio da Miccoli e soci. Serviva più concretezza in attacco a parere dell’imprenditore originario di Spinazzola che sulla difesa si sbilancia e dice: “Un voto alla retroguardia? È stata insufficiente, ma nella gara di ieri c’entravano poco i difensori, dovevamo chiudere prima la gara”.

Presidente, giornata “nera” ieri: cosa salva e cosa non l’è piaciuto della gara contro i granata?

Cosa salvo? (sorride ironicamente, ndr). È stata una gara particolare e devo sottolineare che i nostri avversari non hanno fatto chissà che nel secondo tempo, ma siamo stati noi ad avere più occasioni nitide da rete. Purtroppo siamo stati poco cinici e non in grado di chiudere la questione prima del loro gol del vantaggio“.

Il tecnico Francesco Moriero ha dichiarato nel dopo gara che “la partita si poteva chiudere sul 3-0”: la pensa come il mister?

Certo che la penso come il nostro allenatore, se avessimo chiuso la partita nel primo tempo sarebbe andata diversamente. Non siamo riusciti a concretizzare ma, al di là degli episodi, noi abbiamo fatto meglio nel primo tempo, però loro sono stati più cinici ed il secondo gol di Siniscalchi è nato da un rimpallo di un nostro giocatore (Fabrizio Melara, ndr)”.

Dia un voto alla difesa.

Che voto devo dare? Un’insufficienza e mi sembra scontato questo, ma dico anche che abbiamo un’ottima difesa e nella gara di ieri il reparto arretrato non c’entra nulla. Martinez è un ottimo giocatore e dico bene anche di Vinetot. Sul primo gol potevano fare poco, mentre sul secondo hanno visto tutti come è arrivato, cosa poteva fare la difesa?

Capitolo calciomercato: si chiude oggi alle 23 la sessione estiva, ci saranno sorprese?

Non credo che ci sarà qualche sorpresa, mio figlio (il diesse Antonio, ndr) è in questo momento a Milano all’Ata Hotel e vediamo cosa succede. Siamo in sovrannumero e non ci manca nulla. La ciliegina in attacco? Non dimenticate che abbiamo Miccoli, Zigoni e Beretta. Falco in partenza? Vediamo cosa succederà nelle prossime ore”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.