CONDIVIDI

ROMA – Impresa storica del cavaliere leccese Lorenzo De Luca che ha coronato il suo sogno trionfando al Gran Premio Roma 2018 di Piazza di Siena in sella ad Halifax van Het Kluizebos con un percorso netto chiuso in 45”37. L’Italia festeggia così una clamorosa doppietta, avendo conquistato venerdì già la Coppa delle Nazioni e dimostrando così che il salto ostacoli nel nostro paese gode di ottima salute.

Era da 24 anni, dalla vittoria ottenuta nel 1994 da Arnaldo Bologni e Mayday, che l’Italia non trionfava in questa gara. L’ultima doppia affermazione risale addirittura al 1976, anno in cui la Coppa delle Nazioni ed il Gran Prix di Roma si tinsero del Tricolore grazie a Piero D’Inzeo in sella ad Easter Light.

L’aviere scelto De Luca, al sesto posto del ranking mondiale, che oggi vive e lavora in Belgio, ha ottenuto la vittoria nella prova individuale più importante dell’86° Concorso ippico internazionale della capitale ed ha iscritto il proprio nome nell’albo d’oro della competizione. Ha letteralmente dominato la scena, chiudendo la prima manche dell’ovale di Villa Borghese con un percorso senza errori. Ora, il 31enne leccese, può dedicarsi al prossimo sogno: l’Olimpiade di Tokio del 2020 in cui punta ad entrare nella leggenda in sella del suo baio Ensor de Litrange LXII.

Commenti