CONDIVIDI

LECCE – Se il buon giorno si vede dal mattino, verrebbe da pensare che la convocazione di lunedì nella sede della Lega Pro a Firenze sortirà effetti pari a zero… Nonostante la “tirata d’orecchie” ufficiale della stessa Lega Pro all’Ad del Catania Calcio, Pietro Lo Monaco per i toni troppo accesi e le reiterate polemiche innescate ad arte sulla gara Bisceglie-Lecce che stanno inquinando il sereno svolgimento del campionato nel Girone C di Serie C, dalla società etnea arrivano segnali tutt’altro che distensivi.

convocati CATANIANelle scorse ore, infatti, il club rossazzurro ha diramato una dura nota di risposta alla presa di posizione della Lega Pro in cui si legge: “Letta con grande stupore la nota della Lega Pro relativa alla gara Bisceglie-Lecce, il Calcio Catania intende replicare. La dichiarazione del nostro Amministratore Delegato Pietro Lo Monaco si rivela chiaramente corretta nel sottolineare l’iniquità della prima decisione da parte del Prefetto di Barletta – Andria – Trani, che aveva inizialmente vietato ai tifosi del Bisceglie di poter assistere alla gara della propria squadra adducendo criticità strutturali mai rilevate prima di questa partita. I successivi sviluppi, con la logica apertura delle porte ai tifosi della squadra di casa, confermano nei fatti l’esattezza del rilievo mosso dal nostro Amministratore Delegato. Siamo comunque semplicemente sbalorditi dall’imbarazzante presa di posizione da parte della Lega Italiana Calcio Professionistico e dai contenuti di questa nota, inopinatamente (e forse opportunamente?) non firmata da chi censura con fermezza. Non risulta a questa società di aver letto alcuna nota quando alla tifoseria del Catania, tra le più soggette a provvedimenti restrittivi, è stata vietata la trasferta: è accaduto prima delle gare giocate a Caserta, Siracusa, Rende e Lecce. Premurarsi di spiegare il perché di una restrizione, attraverso una nota ufficiale, sembra esagerato. Il vaso tracima e si travalica ogni limite di buon senso quando poi, addirittura, ci si erge a giudici degli atteggiamenti del nostro Amministratore Delegato che alimenterebbero polemiche strumentali e non garantirebbero, udite udite, il sereno svolgimento delle competizioni. Si ricorda all’estensore della nota che, nell’ambito di una partita di calcio e di un campionato, le schermaglie dialettiche, peraltro sempre precedute dal riconoscimento del valore dell’avversario, hanno come protagonisti diversi soggetti e rimangono pur sempre schermaglie dialettiche. Di conseguenza, sorprende ancor più che venga citato quale unico protagonista delle stesse il nostro Amministratore Delegato. Pur non nascondendo la nostra insoddisfazione e preoccupazione per un autogol così marchiano da parte della Lega Pro, ribadiamo la nostra assoluta fiducia nel mantenimento di un’imparzialità che è tra i principali doveri istituzionali della Lega Italiana Calcio Professionistico“.

Commenti