CONDIVIDI

fabio-liverani-pollice-insuLECCE (di Italo Aromolo) – Il Lecce supera l’esame-Reggina raggiungendo la sufficienza con una rimonta per 3-2 che esalta gli animi dei tifosi e un po’ meno quello del proprio allenatore. Mister Liverani nel post-partita si è detto chiaramente insoddisfatto per una vittoria legittima nel punteggio ma traballante nella prestazione: da un lato si è vista una squadra offensivamente debordante nella genesi, sviluppo e finalizzazione di 6-7 nitide palle-gol, trainata dalle giocate di uomini-chiave sempre più in forma come Radoslav Tsonev, Giuseppe Torromino e Andrea Arrigoni. Dall’altro una difesa che, soprattutto nella prima mezz’ora, ha mostrato tutta la sua vulnerabilità al cospetto di giocate corte e rasoterra spesso praticate dall’ottima Reggina ma anche nella gestione palle lunghe ed alte quali quelle che andavano a cercare Bianchimano come boa di riferimento.
Analizziamo meriti e demeriti della formazione giallorossa nella nostra video-analisi tattica del match:

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.