Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE –  Queste le dichiarazioni di mister Marco Baroni nel dopo gara vinta 3-1 dal Lecce sul Cosenza: “Il risultato finale ci va pure stretto. Oggi siamo stati più determinati e concreti sotto porta in rifinitura. Veniamo da un periodo in cui la squadra sta crescendo e ci siamo arrivati non senza difficoltà tra calciatori indisponibili e altri come Hjulmand che ho portato in panchina ma non potevamo avere alibi. Il Cosenza può metterti in difficoltà ed andava affrontato così come abbiamo fatto. Arriveremo a contare su 16, 17 titolari che sappiano entrare a gara in corso e mantenere lo stesso livello d’intensità. Ce la faremo non appena qualche giocatore perderà l’abitudine di giocare un po’ per sé e avere la frenesia di ricevere palla. Björkengren si allena benissimo e sta metabolizzando il lavoro provato in settimana. Ha bucato la difesa cosentina con i tempi giusti. Dobbiamo giocare così, con gli interni vicini. Mi è piaciuto anche il gol di Coda, ha attaccato la porta e lui può fare questi gol perché è bravo a fare le reti complicate. Calabresi? Arturo è un modello di professionalità, un giocatore che sta dando un contributo importante. Lo sto penalizzando nelle scelte ma si allena alla grande. Bisogna avere più alternative, così andiamo forti. Non si possono spremere undici giocatori. Blin? Mi è piaciuto molto, ha gestito bene l’ammonizione. Anche lui è stato penalizzato dalle mie scelte, ma è un giocatore che dà un contributo importante. Sul gol subito abbiamo regalato una rete. Quando in difesa si fa una partita di altissimo livello non si può essere leggeri. Abbiamo consegnato loro una palla, ma gli avversari devono fare cose importanti per segnarci. A volte vengono fuori vecchi difetti di giocatori che invece hanno la possibilità di reggere per 90′. Rodriguez? Stiamo lavorando per trovare una posizione a lui congeniale da esterno, deve stare più dentro il campo. Ha la smania del gol e della giocata individuale, magari riuscisse a togliersela. Anche lui pensa sempre di riceverla addosso e fare gol bellissimi. I grandi bomber fanno anche gol sporchi, non solo quelli belli. Deve crescere. A Pablo chiedo di rimanere dentro il campo più vicino alla punta nel 4-3-3. Io non sono un integralista del sistema di gioco, è quest’ultimo che deve esaltare le qualità del singolo. Io creo le condizioni per dare il massimo. Strefezza? Per me è un attaccante esterno nato e farà un campionato straordinario. Sta crescendo. Per Listkowski si è visto qualche miglioramento, il ragazzo si sta allenando bene, gli piaceva giocare con la palla addosso ma la possibilità di sfruttare le fasce è un’opportunità. Abbiamo bisogno anche di lui. La terna arbitrale? Ottimo arbitraggio. La squadra deve rimanere centrata sulla prestazione, protesto io nella maniera giusta. Per noi che vogliamo avere ritmo e giocate non è facile ma ci dobbiamo abituare“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.