Tempo di lettura: 2 minuti

pasquale-padalino-conferenza-3LECCE – Si presenta davanti ai giornalisti dopo diverso tempo rispetto dalla fine della sfida con la Paganese, ma mister Pasquale Padalino non delude l’attesa, analizzando non solo il successo della sua formazione, ma anche entrando nel dettaglio tattico legato al ruolo di Checco Lepore, l’eroe di giornata: “Sono soddisfatto: abbiamo messo altri tre punti importanti in questa cavalcata che dura da oltre quattro mesi. Abbiamo aggiunto un’altra pietra grazie ai tre punti conquistati che danno seguito alla vittoria di Messina dopo quel brutto stop col Matera e ci regalano tanta energia positiva. Gli applausi a Doumbia sono un altro aspetto estremamente positivo in vista della prossima settimana. Me ne prendo parte del merito visto che lo abbiamo aspettato e coccolato, ma lui pure ci mette del suo, sapendo di essere in un ambiente in cui si trova bene, a dimensione familiare. Ha trovato una squadra che lo ha sostenuto e si sta dimostrando un componente decisivo per un obiettivo comune a tutti. Lepore? Ve la dico tutta: può giocare in più ruoli, ma è lui che mi chiede di giocare in mezzo al campo (il capitano gli è seduto accanto ed abbozza alla battuta del suo tecnico, ndr). Lui non può essere condizionato dalla posizione, non è un calciatore alle prime armi messo in una posizione non consona alle proprie caratteristiche; la corsa la può sfruttare ovunque, sia sulla fascia, che lungo i corridoi centrali. Ha fatto per anni il quinto di centrocampo con De Canio, Bollini e Braglia e ne avete apprezzato la corsa che è la sua qualità migliore. Oggi ha tirato fuori dal cilindro due eurogoal, dispiace per la rete incassata perché scaturita da una nostra ingenuità su cui dovremo riflettere. Contessa ha fatto una serie di partite positive, poi l’ho visto appannato ed allora ho preferito richiamarlo in panchina. Mercato di gennaio decisivo? Non ci stiamo ancora pensando, ma se ci sarà bisogno andremo a piazzare uno o, magari, anche più colpi se lo riterremo necessario. L’Andria è un avversario pericoloso e lo testimoniano i risultati. È una squadra cinica e quadrata. Ho ricevuto delle informazioni dettagliate ed è una squadra difficile da affrontare come sanno Foggia, Juve STabie e Matera…”

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.