Tempo di lettura: 5 minuti

lecce-paganese-caturanoLECCE- Il Lecce batte 3-1 la Paganese e torna alla vittoria casalinga dopo due mesi di astinenza. L’inerzia del match è rotta al 35’ dal missile di Lepore,che mette dentro di rabbia e capitalizza una superiorità palesata sin dai primi minuti, ma messa in dubbio da qualche rischio occorso per letture errate in fase di non possesso. Un infortunio difensivo dei campani porta al raddoppio giallorosso, messo a segno da Caturano. Ad inizio secondo tempo Reginaldo mette dentro una punizione con la complicità di Gomis, ma capitan Lepore toglie le castagne dal fuoco e rimette a debita distanza la Paganese. Finale del match in discesa e tre punti meritati.

Primo tempo

1’ Padalino torna al 4-3-3 ma conferma in campo Fiordilino e Tsonev a centrocampo, avanzando Lepore nel terzetto offensivo con Caturano e Doumbia. Ancora panchina, la seconda consecutiva, per Torromino e Pacilli. La Paganese si schiera con un 3-4-2-1, con Reginaldo unica punta, supportato da Deli e dagli ex Lecce Parlati ed Herrera.

9’ Cross teso di Lepore, Caturano spizza dal lato corto dell’area piccola, Mancosu sfugge dalle marcature e prova la girata, uscita disperata di Chiriac che devia quel tanto che basta per mandare sulla traversa

10’ Schema da calcio d’angolo. Palla corta di Doumbia che taglia l’area, velo di Tsonev che apre la via a Mancosu, piatto di poco fuori. Il Lecce alza i giri del motore.

12’ Pennellata dalla trequarti di Lepore, Caturano sbuccia il pallone mirando al secondo palo ma Camilleri copre bene e sventa.

13’ Rinvio lungo di Chirac che ribalta il fronte dell’azione, Fiordilino buca l’intervento favorendo lo scatto di Reginaldo che si presenta di fronte a Gomis, bravo a portare il brasiliano su un angolo nonostante il dribbling subito. Cosenza recupera la posizione e compie un miracolo in scivolata sul tiro a botta sicura dell’ex Parma.

18’ Insidiosissimo cross di Parlati nell’area leccese, Cosenza svetta e anticipa tutti togliendo le castagne dal fuoco.

20’ Doumbia trova lo spazio giusto per Caturano, diagonale che sfila a lato.

23’ Mancosu riceve palla da Doumbia, converge al centro e arma il destro, alto.

24’ Risposta della Paganese. Cicerelli porta palla per vie centrali e allarga per Reginaldo, bordata che sbatte sull’esterno della rete.

31’ Palla-gol per la Paganese. Da una lettura sbagliata al centro del campo, Herrera riesce a penetrare per vie centrali prima di porgere un ottimo pallone a Deli, che scarta Cosenza e, di sinistro, sfiora il secondo palo.

32’ Cambio anticipato per Padalino. Vitofrancesco rileva Contessa e si posiziona sulla corsia destra, facendo passare Ciancio a sinistra.

35’ GOL LECCE. Lepore porta in vantaggio il Lecce a seguito di un’azione coordinata. Cosenza salva alla grande sull’ennesimo cross di Cicerelli, Mancosu alimenta la manovra e pesca Lepore dall’altra parte del campo con un passaggio in scivolata. Il capitano controlla e batte Chirac con un fendente diagonale di destro.

43’ GOL LECCE. Caturano infiamma il “Via del Mare” con una sortita da bomber vero. Palla soffiata a Parlati e scatto perentorio con l’avversario lasciato sul posto e botta rabbiosa di sinistro che brucia Chirac.

45’ Magistrale intervento di Chirac che con la mano di richiamo toglie dalla rete una punizione di Mancosu.

Primo tempo: Lecce in controllo del match, ma il punteggio non è figlio di un totale dominio giallorosso. Dopo le occasioni nei primi minuti, la Paganese ha risposto bene alle sortite di Mancosu e Caturano. Gli azzurro stellati si sono presentati due volte dalle parti di Gomis, creando seri pericoli che avrebbero potuto complicare la partita. Il vantaggio firmato da Lepore è stato la cesura. La Paganese si è rinchiusa troppo nella propria trequarti e l’errore difensivo nell’occasione del raddoppio ha confermato le previsioni della vigilia, che definivano i campani come una squadra pericolosa in attacco ma da registrare dietro.

Secondo tempo

3’ Silvestri tenta la sorte con un tiro da trenta metri, Gomis s’accartoccia e blocca a terra.

6’ Dribbling secco di Deli su Cosenza, che atterra l’avversario e si becca il cartellino giallo.

7’ GOL PAGANESE. Reginaldo capitalizza la punizione guadagnata da Deli e trasforma con un tiro che beffa Gomis, piazzato male, sul primo palo. Conclusione sì potente, ma l’errore del portiere senegalese è evidente.

12’ GOL LECCE. Lepore prende letteralmente per mano il Lecce. Centrocampo della Paganese che fallisce il filtro a centrocampo e favorisce il recupero del capitano, che anticipa anche Caturano poco al di là della linea dei sedici metri e opta per la soluzione più bella esteticamente: esterno destro sul secondo palo che rende vano il tuffo di Chiriac.

23’ Reginaldo s’invola sul filo del fuorigioco ma perde l’uno contro uno con Gomis, tempestivo nell’uscita chiusa con un intervento di piede. Sul conseguente corner altro intervento da applausi del numero 1 giallorosso, che inchioda a terra una palla vagante nella selva di gambe di calciatori avversari.

28’ Lepore perde palla sulla linea di fondo, Deli guadagna l’area e apre per l’accorrente Iunco, piatto indirizzato all’incrocio sporcato dallo stinco di Giosa sulla traversa. Il Lecce si salva.

39’ Paganese in balia del Lecce, impreciso nel convertire in rete un’azione corale Torromino-Caturano-Torromino-Caturano a causa della “paratissima” di Chiriac che s’allunga sulla propria destra e, con la punta delle dita, spinge al di là del palo il tiro del bomber di Scampia, rendendo vano anche il piazzamento sul secondo palo di Lepore.

44’ Parata d’istinto di Gomis, che dice no al piatto di Tagliavacche arrivato sul cross teso di Cicerelli. Non passano neanche trenta secondi e il portiere scuola Torino chiude su Reginaldo con un’uscita “a croce” da calcio a 5.

Il tabellino

Lecce-Paganese (pt 2-0)

Lecce (4-3-3): 22 Gomis; 23 Ciancio, 5 Cosenza, 14 Giosa, 3 Contessa (32’pt 2 Vitofrancesco); 13 Tsonev (29’st 16 Drudi), 21 Fiordilino, 4 Mancosu; 10 Lepore (cap.), 18 Caturano, 24 Doumbia (23’st 7 Torromino) A disposizione: 1 Bleve, 12 Chironi, 6 Arrigoni, 7 Torromino, 9 Vutov, 11 Pacilli, 15 Freddi, 16 Drudi, 19 Vinetot, 20 Maimone, 25 Persano. Allenatore Pasquale Padalino.

Paganese (3-4-2-1): 22 Chiriac; 13 Alcibiade, 30 Camilleri, 4 Silvestri; 11 Cicerelli, 18 Parlati (17’st 9 Iunco), 5 Pestrin, 3 Della Corte; 10 Deli (cap.) (34’st 24 Tagliavacche), 14 Herrera (41’st 28 Mauri); 8 Reginaldo. A disposizione: 1 Marruocco, 12 Coppola, 6 Mansi, 15 Longo, 19 Caruso. Allenatore Gianluca Grassadonia.

Marcatori 35’pt Lepore (L), 43’pt Caturano (L), 7’st Reginaldo (P), 12’st Lepore (L)

Ammoniti 6’st Cosenza (L), 41’st Alcibiade (P)

Arbitro Antonio Giua di Pisa

Assistenti Antonio Spensieri di Genova e Giuseppe Perrotti di Campobasso

Note: pomeriggio fresco e nuvoloso, temperatura 13 °C. Spettatori 11084 (9242 abbonati, 1842 paganti), incasso totale 44054,20 euro (quota abbonamenti 27023,20 euro, incasso paganti 17031,00 euro). Calci d’angolo 8-6. Recuperi 1’pt, 3’st.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.