Tempo di lettura: 1 minuto

Moscardelli protegge pallaAREZZO – Un gran gol in rovesciata siglato nella doppietta contro il Prato ha posto l’accento sull’ennesima stagione da leader dell’ex giallorosso Davide Moscardelli, amatissimo ancora nel Salento e divenuto già simbolo dell’Arezzo, terzo in classifica nel girone A della Lega Pro, dietro all’Alessandria di Piero Braglia ed alla Cremonese.

La prestazione ad alti livelli nella scorsa giornata, quella delle due reti nel derby toscano, sta facendo sognare i tifosi dell’Arezzo. Ogniqualvolta si parla di promozione, tra le promesse richieste al Mosca rientra sempre quella di sacrificare la sua proverbiale e fluente barba, divenuta simbolo del calciatore antidivo.

Il 36enne attaccante, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha affermato, parlando della sua carriera: “Vado avanti finché mi diverto. Ho il contratto in scadenza a giugno, con un’opzione per il rinnovo. Se l’Arezzo sale in B potrei anche tagliarmi la barba. Se mi rado, mio figlio potrebbe spaventarsi, ma vediamo… Lui non mi ha mai visto senza ed ho paura di spaventarlo”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.