Tempo di lettura: 3 minuti

tabella precedenti messina 1LECCE – C’è tutta la storia del Lecce in questa partita. Messina-Lecce è una sfida senza tempo, che inizia nel lontano 1939 e arriva al 2016 dopo un lungo viaggio fatto di entusiasmanti promozioni, amare delusioni, incroci speciali e mai banali.

Partiamo dagli anni Ottanta: il 12 giugno 1988 il Lecce conquistava la sua seconda promozione in Serie A proprio al “Celeste” di Messina. Si giocava la penultima giornata di campionato e ai giallorossi bastava un punto per festeggiare di fronte agli oltre 5mila tifosi venuti dal Salento: fu Dario Levanto che a dieci minuti dalla fine regalò il sogno, pareggiando su assist di Beto Barbas l’iniziale vantaggio messinese di Doni. Non era un Messina qualunque quello e basta scorrere la formazione per rendersene conto: in porta c’era Franco Paleari, futuro preparatore dei portieri e allenatore dei salentini; in attacco Franco Lerda, che a Lecce ha lasciato più di qualche ricordo per tre anni alla guida tecnica; in difesa il terzino Stefano Di Chiara, che arrivava dopo quattro anni di grandi soddisfazioni con la maglia salentina.

tabelle-precedenti-messina2Prendiamo adesso gli anni Duemila: nella stagione 2004/’05, all’ombra dei Peloritani il Lecce dell’ex Zdenek Zeman (allenatore del Messina nella stagione 1988/’89) ottenne una delle più larghe vittorie in trasferta della sua storia in Serie A. Il risultato di 4-1 riassume la forza offensiva di un Lecce che poteva contare su campioni pronti ad esplodere come Mirko VucinicMarco Cassetti e Christian Ledesma: non fu difficile per salentini portarsi sul 3-0 già dopo quaranta minuti, grazie ai gol dello stesso Vucinic e alla doppietta dell’attaccante croato Sasa Bjelanovic, che ha chiuso la carriera proprio tra le fila del Messina. Fu una giornata particolare per un altro doppio ex, Erminio Rullo: nel secondo tempo il difensore napoletano andava a contrastare il centrocampista messinese Domenico Giampà sull’out destro e, nella foga del contatto fisico, lo spingeva sui cartelloni pubblicitari del “San Filippo” causandogli una profondissimo taglio alla coscia (20 centimetri) che solo i 147 punti di sutura applicati d’urgenza evitarono finisse in tragedia.

Prendiamo, infine, gli anni Duemiladieci, decisamente cupi rispetto alle soddisfazioni dei decenni passati. Nella stagione 2014/’15 il pesante 3-1 subìto dal Lecce di mister Franco Lerda fu a dir poco condizionato da un’espulsione di Walter Lopez, terzino salentino reo di aver messo le mani sul petto ad un avversario poi prontissimo nel simulare il più vorticoso dei capitomboli. Gli ospiti erano anche passati in vantaggio con un eurogol di Moscardelli (al volo da fuori area), ma la giornata di grazia di bomber Giorgio Corona aprì le porte alla rimonta siciliana, firmata, oltre che da un gol dello stesso attaccante, dalla marcatura di Orlando e dalla perfetta realizzazione su calcio piazzato di Pepe. Dello stesso disfattismo sportivo per il Lecce di mister Piero Braglia fu il pareggio conquistato alla quart’ultima giornata dello scorso torneo: con l’1-1 maturato grazie al gol di Checco Lepore (su rigore) e all’immediato pareggio messinese di Tavares, i giallorossi dicevano addio alla corsa al primo posto e consegnavano virtualmente la vittoria del campionato al Benevento.

Il bilancio totale dei 20 precedenti è favorevole al Messina, che si è imposto in 8 occasioni a dispetto di 8 pareggi e 4 vittorie del Lecce (21 gol fatti per i salentini, 25 subiti). Come detto, è una sfida che racchiude ampi frammenti di storia e infatti si è giocata in tutte le competizioni: dall’ultima in Serie C nel 1976, alla B negli anni Ottanta-Novanta e prevalentemente la Serie A negli anni Duemila. Si conta anche un precedente in Coppa Italia nella stagione 20001/’02: finì 2-1 per il Messina con gol di Sebastjan Cimirotic per gli ospiti.

Calcio e storia: accadeva che… Ed ecco alcuni avvenimenti storici che si sono intrecciati con il primo Lecce-Messina, datato 26 febbraio 1939:

  • Francisco Franco instaura la dittatura in Spagna.
  • L’esercito tedesco invade la Polonia: è l’inizio della Seconda Guerra Mondiale.
  • Esce il film “Il Mago di Oz”.
  • Nascono Giorgio Gaber, Terence Hill e Giovanni Falcone.
  • Fa la sua comparsa la Jeep.
  • Si scoprono le proprietà insetticida del DicloroDifenilTricoloroetano (DDT)
Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.