Tempo di lettura: 2 minuti

pasquale-padalino-vs-regginaLECCE – La vittoria di misura contro la Reggina è stata commentata così dal tecnico giallorosso Pasquale Padalino, soddisfatto per il ritorno ai tre punti al “Via del Mare” dopo il pari di due settimane fa contro la Casertana e coinciso con la celebrazione dei 50 anni dalla costruzione dell’impianto sportivo leccese. 

Sofferenza“Io soffro quando non chiudiamo le partite – ha subito sottolineato il trainer foggiano – perché non posso non pensare che prima o poi il classico tiro della domenica ti possa far male dopo non essere stati sufficientemente cinici in occasioni limpidissime. Questa vittoria è importante e devo ringraziare i miei ragazzi che si sono comportati da squadra e, dopo due mesi e mezzo di lavoro, siamo a un buon punto ma non al massimo della condizione perché dobbiamo sistemare ancora tante cose”.

Complimenti alla Reggina Il tecnico, nel complimentarsi con la Reggina, coglie gli aspetti positivi del successo: “Abbiamo giocato con la giusta mentalità contro una squadra che poteva sembrare abbordabile ma era difficile da affrontare. Gli avversari vengono qui cercando in primis di non farti giocare e poi di metterti in difficoltà. Oggi non abbiamo praticamente concesso che pochissime ripartenze, quasi nessuna, e siamo stati bravi anche sotto quest’aspetto. Non subire goal per la quarta partita consecutiva è una soddisfazione. Non concediamo molto, Bleve non ha fatto nemmeno una parata e quindi oggi non ha fatto miracoli”.

Guardia alta– C’è sempre da lavorare secondo Padalino: “Sono stati fatti dei passi avanti ma dobbiamo ancora migliorare nella gestione della palla. Si può pensare che queste siano partite scontate, con i 3 punti già in tasca, ma io non abbasserò mai la guardia davanti a gare come quella contro la Reggina, nè come la prossima con la Vibonese: per me sono tutte difficilissime. In questa fase del campionato è una soddisfazione essere primi in classifica ma mancano ancora tante partite e ci sarà il valzer delle pretendenti al primo posto ogni domenica”.

Play– Il discorso si sposta poi sulla staffetta nel ruolo di regista che ha avuto come protagonisti Fiordilino ed Arrigoni: “Fiordilino si è comportato bene, forse si è fatto prendere troppo dalla frenesia dettata dall’entusiasmo di giocare titolare dal primo minuto, ma non dimostra di avere la giovane età che ha. È un calciatore che ogni allenatore vorrebbe avere, molto duttile e capace di interpretare al meglio varie situazioni tattiche. Anche Arrigoni ha fatto benissimo fino ad ora ma era giusto farlo rifiatare e dare una possibilità a Fiordilino. Pacilli? Secondo il nostro dottore Congedo, il ragazzo ha due dita rotte ma sapremo qualcosa di più domani dopo gli esami strumentali”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.