Tempo di lettura: 2 minuti

bragliaLECCE (di Italo Aromolo) – Braglia sì, Braglia no: this is the question. Ha ragione l’allenatore del Lecce a dire che il ruolino di marcia vittoria in casa-pareggio in trasferta può bastare per centrare la promozione in B? Gli equilibri precari di un campionato mai così livellato non farebbero pensare ad altro: c’è una capolista come la Casertana che non raggiunge la media di due punti a partita, una squadra-champagne come il Foggia che non vince in casa da due mesi, una corazzata come il Benevento che deve aspettare 86 minuti per fare gol all’ultima in classifica e infine il Lecce, che, piaccia o no, sta recuperando sempre più terreno alle battistrada con la forza della costanza e la calma dei forti. Ma basterà?

Secondo una proiezione, a fine campionato, la formazione giallorossa raggiungerà i 63 punti continuando a viaggiare alla media sottoscritta dal proprio tecnico un paio di settimane fa in conferenza stampa. Quota che, da quando il Lecce è tornato in Lega Pro, non ha mai garantito la prima posizione: nello stesso numero di partite il Trapani vincitore nel 2013 arrivò a 64 punti, il Perugia a 66 due anni fa e la Salernitana addirittura a 80 (ma con quattro gare in più) nello scorso torneo.

L’andamento a rilento delle prime è solo una falsa attenuante e il perché è presto detto: se anche chi precede dovesse mantenere le attuali medie, impresa non difficile visto il già discontinuo e deficitario andamento di tutte, il Lecce che vince in casa e pareggia fuori riuscirebbe a recuperare solo un punto alla Casertana (prima a 66), due al Foggia (63) e tre al Benevento (62) riuscendo a superare solo quest’ultimo e chiudendo al terzo posto che a stento significherebbe play-off.

È evidente, dunque, la necessità un cambio di atteggiamento da parte della squadra al di fuori delle fuori amiche. Il calendario non è malvagio e prevede sfide accessibili come quelle di Messina, Monopoli ed Ischia, in cui il coraggio e la voglia di osare dovranno giocoforza prevalere sulla paura di perdere se si vuole continuare a sognare un futuro diverso dall’inferno della Lega Pro.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.