Tempo di lettura: 3 minuti
ragno
Mister Nicola Ragno

NARDÒ- La vittoria contro il Picerno alla prima del girone di ritorno non può che essere accolta nel migliore dai modi dall’allenatore del Nardò Nicola Ragno, rilassato dopo i tre punti conquistati dopo l’1-0 di ieri: “Era una partita sentita, non lo metto in dubbio – sorride Ragno – purtroppo il campo non ci ha permesso di giocare palla a terra come noi sappiamo fare. È chiaro che nei primi venti minuti abbiamo sofferto un po’ la velocità degli avversari per poi non finalizzare delle palle gol, finalizzando prima sicuramente avremmo potuto raggiungere un punteggio più rotondo”.

L’ex Andria ha usato più moduli nel corso del match: “Sono partito con il 4-3-3, abbiamo avuto qualche difficoltà sugli esterni nel bloccare i loro attaccanti e siamo passati al 4-4-2. All’inizio Presicce doveva spostarsi tra le linee e Palmisano fare il solito binario. Ho cambiato mettendo Vicedomini più largo e Presicce tra le linee e pian piano abbiamo trovato la quadratura con Prinari sulla fascia e Vicedomini in mezzo. Nel secondo tempo siamo stati impeccabili tatticamente, il Picerno non ha calciato mai in porta.”

Ragno è fiducioso sulle abilità del Toro, più forte di molte avversità: “Sappiamo tutti come sono andate le cose, abbiamo ringiovanito la squadra, alla fine c’erano sei under in campo. Dobbiamo cercare di far crescere questi ragazzi validi, l’obiettivo rimane quello di fare più punti possibili provando a vincere domenica dopo domenica. Oggi la partita nascondeva insidie, era la prima dopo le feste e potenzialmente avvezza a qualche sorpresa, ma noi ci siamo allenati bene nell’ultimo periodo nonostante gli infortuni che ci hanno complicato un po’ la vita. Andrea Presicce era malato ed in dubbio fino all’ultimo, non si è allenato con noi nella rifinitura e stamattina abbiamo deciso di mandarlo in campo, ha retto finche ha potuto. Non era il Presicce delle ultime giornate, ma le sue giocate sono state lo stesso decisivi”.

ragno prinari francavilla nardò
Nicola Ragno e Tiziano Prinari

I numerosi stop non permettono una formazione-tipo, ma il trainer molfettese non ne fa un problema: “Non abbiamo ancora degli equilibri di squadra, non riusciamo a mettere in campo la stessa formazione per tre-quattro partite consecutive. Si è fermato Caporale, Mancarella e Cassano non erano in condizioni perfette ma sono tutti da elogiare per la dedizione alla causa. Ora non conta più il modulo, non ci sono titolari, non ci sono differenze tra under e grandi. Voglio una concorrenza leale e che tutti diano il massimo ogni volta”.

Mister Ragno pone poi l’accento sulle prestazioni di Prinari e Romeo, le novità del primo match del 2016: “Hanno fatto una buona gara, Prinari sta crescendo, l’ho schierato dal 1’ perché l’ho visto bene in allenamento e ha agito bene da interno e da esterno. Romeo si è sacrificato tanto per la squadra, è uno che fa salire i compagni. Oltre alla prestazione ci si aspetta il gol, ma arriverà, il ragazzo è ben visto dal gruppo ed è motivato. Farà ancora di più, è l’attaccante che serve a noi per sfruttare le doti dei nostri centrocampisti bravi negli inserimenti. Gigante è entrato bene nell’ultimo quarto d’ora”.

Domenica il Nardò sarà impegnato nella trasferta di Bisceglie, oggi corsaro al “Viviani” di Potenza: “Il Bisceglie è una sorpresa, non mi sarei mai aspettato la vittoria, il calcio di oggi è fatto di molta corsa. Domenica sarà un’altra finale. Spero di vincere prima della partita col Francavilla, dove ci giocheremo molto di quanto raccolto in tutto questo periodo. Bisogna raccogliere il massimo. Guardando la classifica, tutte le formazioni che sono al di sotto di noi hanno giocatori importanti e allenatori importanti. Nessuno ti darà i tre punti facili, avendo queste squadre non mediocri, secondo me nessuno farà un filotto di otto-nove vittorie. Chi riuscisse a farlo sarebbe candidato senza dubbio alla vittoria del campionato. Noi andiamo avanti, godiamoci il momento, si respira aria positiva nello spogliatoio e c’è ottimismo nella tifoseria e nella dirigenza”.

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.