Tempo di lettura: 3 minuti
negro nardò gallipoli
Mattia Negro

GALLIPOLI- Il Gallipoli batte il Picerno e non fallisce un match vitale per sbloccarsi da una situazione di classifica difficile. Dopo tante buone prestazioni senza raccogliere punti la squadra di mister Germano conquista il bottino pieno con una prestazione meno lucida ma più sostanziosa. Il match-winner è ancora lui, Mattia Negro, astro nascente del calcio salentino che quest’anno sta mostrando il suo talento cristallino. Una punizione di Negro sul fondo al 3′ apre il tabellino delle occasioni. Al 14′ ci riprova Negro su assist di Portaccio, ma il sinistro in diagonale è domato da Lamarra che controlla in presa. Il Picerno prova a reagire, ma il risultato massimo è una serie di calci d’angolo non capitalizzati al meglio. Il forte vento di scirocco influenza le prestazioni dei ventidue in campo, impossibilitati a optare per soluzioni con palloni alti. L’andamento lento della partita è interrotto al 34′ da un’azione quasi casuale, che ancora una volta porta Negro vicino al gol. Calcio lungo di Frigerio che penetra nella mediana dopo due errori di stop da parte dei calciatori rossoblù, palla a Negro che lascia sul posto il diretto avversario prima di scagliare un sinistro che Lamarra blocca in due tempi. La ripresa, giocata a favore di vento per i giallorossi, è aperta da una traiettoria beffarda di Mangiarotti che, direttamente da corner, impegna il portiere lucano ad un’insidiosa respinta. Il Picerno, in formazione sperimentale dopo gli stravolgimenti della settimana, fatica a farsi vedere dalle parti di Frigerio. L’andazzo è rotto al 16′ da Serritella, pericoloso nel cuore dell’area gallipolina su servizio di Gerardi. L’attaccante lucano, dopo aver saltato Rosato, è però murato da Frigerio che si oppone con il piede. Un cross dalla sinistra al 23′ trova puntuale l’inserimento di Itri, ma il colpo di testa del capitano rossoblù non è abbastanza angolato per battere Frigerio. Paradossalmente, il Gallo sente l’impegno maggiormente ed il Picerno si affaccia ancora una volta nei sedici metri salentini al 28′. Gerardi sguscia dalla sinistra e scaglia un diagonale che Frigerio neutralizza in qualche modo con l’aiuto di Rosato. Un’altra magia di Negro, la sesta in stagione, al minuto 30, segna la svolta del match: punizione perfetta dai venticinque metri da posizione decentrata che supera il muro posizionato da Lamarra e s’insacca inesorabilmente. Sull’onda dell’entusiasmo Mangiarotti ci prova dopo un giro di lancette, ma Lamarra si oppone con una prodezza. La partita d’intensifica e Gerardi, su imbucata di Milicevic, spara alto da buona posizione. Una traiettoria a scendere di Mangiarotti al 39′ mette un po’ d’apprensione a Lamarra, comunque in controllo sulla punizione dell’ex Pavia. Il Picerno prova ad abbozzare un forcing ma le occasioni non arrivano e dopo 3 minuti di recupero il Gallipoli può gioire per una vittoria che mantiene salde le ambizioni di salvezza.

Il tabellino Gallipoli-Picerno 1-0

Gallipoli (4-2-3-1): Frigerio; Mauro, Rosato, Mbida, Difino; Mangiarotti (47’st Bianchi), Portaccio; Negro (43’st Cortese), Pirretti, Lorusso (39’st Buccarella); Luca. A disp: Calderaro, Iurato, Sansò, Cortese, Franzese, Bianchi, Cris, Maglione. All. Germano

Picerno (4-3-3): Lamarra; Cozzolino, Miglionico, Itri, D’Angelo; Li Muli, Falagario, Reale; Milicevic, Serritella, Gerardi. A disp: Romaniello, Buschini, Ciranna, Lotito, Teta, Notargiacomo, Sangiacomo. All. La Cava

Reti 30’st Negro

Ammoniti 14’st Portaccio (G), 25’st Falagario (P), 37’st Negro (G), 45’st Mangiarotti (G).

Arbitro Federico Longo di Paola

Assistenti Gaetano Sciamarella di Paola e Riccardo Pintaudi di Pesaro

Note: pomeriggio ventoso, spettatori 200 circa . Recuperi 2’pt, 3’st.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.