Tempo di lettura: 2 minuti

giornata della Terra Olivetti 2LECCE – Sette giorni per imparare a conoscere ed amare il nostro Pianeta. Questo è l’ambizioso obiettivo della Settimana del Pianeta Terra, evento giunto alla terza edizione e organizzato a livello nazionale dalle principali associazioni di scienze naturali ed ambientali e che ha visto nel Salento un particolare fermento, con tantissime iniziative nel capoluogo ma anche in provincia, destinate sia agli studenti delle scuole superiori sia ai docenti.

Nel Salento in particolare gli incontri, i “Geoeventi”, sono stati organizzati dall’Università del Salento, l’ANISN (Associazione Nazionale Insegnanti Scienze Naturali), il MAUS (Museo dell’Ambiente), il Museo Civico “L’Alca” di Maglie e le associazioni Salento Explorabile e Fiab Maglie IL CICLONE onlus.

Obiettivi dei “Geoeventi”, una serie di manifestazioni che si terranno durante l’intera settimana a Lecce, Maglie e con delle escursioni nel territorio salentino, sono molteplici e trasversali: dalla sensibilizzazione dei cittadini di domani verso le questioni ambientali, energetiche alla valorizzazione dei beni ambientali intesi anche come “oggetti” di attrazione turistica sostenibile, senza trascurare l’opportunità di far avvicinare i giovani alle scienze, e alle geoscienze in particolare, trasmettendo loro l’entusiasmo per la ricerca e la scoperta scientifica.

giornata della Terra Olivetti 3Gli incontri previsti su Lecce sono organizzati all’interno del MAUS (Museo dell’Ambiente dell’Università del Salento) dell’Ecotekne e nelle prime giornate hanno visto la partecipazione di alcune classi dell’ITES Olivetti di Lecce accompagnate dai relativi docenti di scienze, matematica, informatica e geografia.

Ad accogliere gli studenti, il prof. Paolo Sansò, referente del progetto, mentre gli interventi previsti da programma sono stati tenuti dal prof. Sergio Luigi Negri, intervenuto sul tema “Geotermia: energia alternativa per lo sviluppo sostenibile del pianeta”, dal prof. Paolo Sansò, “La Scienza che scoprì il tempo. Introduzione alla Geologia” e dal prof. Genuario Belmonte che ha presentato il Museo di cui è direttore, illustrandone i contenuti, prima di guidare i ragazzi tra fossili e resti del Salento di qualche milione di anni fa.

Il prossimo appuntamento sarà domani, giovedì 22 ottobre, presso il Museo Civico di Maglie, dove il prof. Sansò parlerà de “La scienza che scoprì il tempo. Introduzione alla geologia” ed il geol. Vitale relazionerà su “L’informazione geografica nel terzo millennio”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.