Tempo di lettura: 1 minuto

atti vandalici stadio Bianco GallipoliGALLIPOLI – Sono ore di grande amarezza e trepidazione quelle che si stanno vivendo a Gallipoli. Ignoti nella notte si sono infatti introdotti all’interno dello stadio “Antonio Bianco” commettendo alcuni atti vandalici che hanno compromesso l’agibilità dell’impianto sportivo gallipolino. Una pagina nera per il calcio della cittadina jonica, tant’è che la gara di campionato Gallipoli-Turris, turno infrasettimanale in programma inizialmente oggi pomeriggio, è stata rinviata.

I danni provicati alle strutture ed alle infrastrutture sono ingenti. Sono state mandate in frantumi o danneggiate le vetrate che delimitano gli spalti e li separano dal terreno di gioco; inoltre, il manto in erba sintetica è stato divelto in più zone, così come sono state strappate e gettate via le reti delle due porte. Una devastazione che, al momento, non ha ancora responsabili accertati, ma sulla quale sono già state avviate le indagini di rito da parte delle Forze dell’Ordine.

Sul profilo facebook di Antonio Baldari, commercialista del club jonico, sono state pubblicate le foto che vi proponiamo del raid vandalico, commentato con le seguenti frasi: “Questo succede quando si esasperano le situazioni, non si trasmette certezza e si gioca sporco e soprattutto non si gioca con un’unica faccia. Non è giusto tuttavia far pagare la comunità devastando quel poco che abbiamo! Prendete posizioni di dissenso ma civili nei confronti di chi merita ed è responsabile”. Chiaro il riferimento alla complicata situazione societaria che il Gallo si ritrova a vivere da qualche tempo.

atti vandalici stadio Bianco Gallipoli 2 atti vandalici stadio Bianco Gallipoli 3 atti vandalici stadio Bianco Gallipoli 4 atti vandalici stadio Bianco Gallipoli 5 atti vandalici stadio Bianco Gallipoli 6 atti vandalici stadio Bianco Gallipoli 7

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.