Tempo di lettura: 1 minuto

rcostruzione Anfiteatro RudiaeLECCE – Il teatro fa il suo ingresso nel Parco Archeologico di Rudiae, con lo spettacolo Trapule di e con Fabrizio Saccomanno e Mino De Santis, in programma questa sera alle 21:00 (ingresso libero). L’appuntamento rientra nel calendario degli eventi di Lecce Capitale Italiana della Cultura e in quello di Lecc’è, rassegna estiva organizzata dall’Assessorato al Turismo ed allo Spettacolo del Comune, guidato da Luigi Coclite

«Siamo nati e cresciuti – spiega Fabrizio Saccomanno – nelle stesse vie di un paese del Salento. Negli anni abbiamo cercato di raccontare e fare testimonianza del mondo che ci circondava. Io con il mio corpo teatrale, Mino imbracciando una chitarra. Inconsapevoli stavamo dipingendo con colori accessi il nostro sud, quello che ognuno si porta nel cuore, quel poco che ne resta. Forse era inevitabile che i canti di Mino ed i miei cunti dovessero incontrarsi. Questo incontro lo abbiamo chiamato “trapule”. Attraverso la musica il canto la parola, raccontiamo di un sud di cielo e terra, di uomini e donne memorabili loro malgrado, con ironia e disincanto, non senza uno sguardo sarcastico sulle miserie della nostra contemporaneità».

Continua, quindi, l’iniziativa voluta dall’Amministrazione comunale per portare il teatro fuori dai luoghi generalmente deputatigli. Il Parco Rudiae è l’ultimo di questi esempi. Tuttora oggetto di scavi archeologici per portare alla luce l’intero ovale dell’anfiteatro, databile fra il I e il II secolo avanti Cristo, dai lavori già eseguiti sono emersi importanti reperti, presto in esposizione al Must. La serata di oggi sarà l’occasione per molti leccesi di scoprire questo luogo che custodisce i resti dell’antica città messapica, antenata di Lecce e patria di Quinto Ennio.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.