Tempo di lettura: 2 minuti

calcio-scommesse (2)LECCE – Come annunciato, stamane il Tribunale nazionale federale della Federcalcio ha comunicato le sentenze di primo grado relative agli scandali -commesse “Dirty soccer” e “I treni del gol” venuti a galla grazie ad un’indagine della Dda di Catanzaro nei mesi scorsi. Mano pesante nei confronti del Catania, retrocesso in Lega Pro e che dovrà iniziare il prossimo torneo da -12 punti in classifica, oltre ad un’ammenda di 150.000 euro. I giudici hanno accolto le tesi dell’accusa ed hanno sanzionato il club etneo che, grazie alla collaborazione resa dall’ex presidente Antonino Pulvirenti, inibito 5 anni e condannato a pagare un’ammenda di 300.000 euro (sanzionati anche tutti gli altri tesserati coinvolti Pablo Gustavo Cosentino con 4 anni di inibizione e ammenda di 50.000 euro; Piero Di Luzio a cui è andata un’inibizione di 5 anni e preclusione alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della FIGC, in continuazione, più ammenda di 150.000 euro), ha evitato una pena ancor più dura per aver aggiustato il risultato di almeno 5 gare della passata stagione tra i Cadetti.

Non è andata certo meglio al Teramo, promosso sul campo in Serie B, ma retrocesso addirittura in Serie D così come il Savona. Entramebe le società sono state posizionate all’ultimo posto del proprio girone di Lega Pro e dovranno corrispondere inoltre un’ammenda di 30.000 euro. Sanzionati anche Luciano Campitelli (Presidente del Teramo) e Aldo Delle Piane (Presidente del Savona) con l’inibizione di 4 anni ed ammenda di 100mila euro.

Nei confronti degli altri club coinvolti è stata disposta l’esclusione dal campionato di competenza con assegnazione da parte del Consiglio Federale a uno dei campionati di categoria inferiore per il Città di Brindisi; sono stati comminati 5 punti di penalizzazione da scontarsi nella attuale stagione sportiva 2015/’16 per la Vigor Lamezia, oltre ad un’ammenda di 25.000 euro; 3 punti di penalizzazione per il Barletta, 2 punti per la Neapolis, la Sef Torres ed il San Severo, 1 punto per L’Aquila (con ammenda di 25.000 euro), Luparense San Paolo e Puteolana Internapoli. Per l’Akragas 2500 euro di ammenda, prosciolta la Paganese. Nei confronti dei vari tesserati coinvolti, sono state inflitte squalifiche ed inibizioni.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.