Tempo di lettura: 1 minuto

Libro  Le monete del BaroneUGENTO – Domani sera, alle ore 19:00, presso il Nuovo Museo Archeologico di Ugento, nel centro storico del paese del Basso Salento, in Largo Sant’Antonio, col Patrocinio della Città di Ugento, del GAL Capo S. Maria di Leuca e dello Studio di Consulenza Archeologica, si svolgerà la presentazione del volume “Le monete del barone – Storia di una collezione monetale dal territorio ugentino” edito da Scirocco Editore. All’iniziativa culturale porteranno i saluti: Massimo Lecci, sindaco della Città di Ugento, Rinaldo Rizzo, presidente GAL Capo S. Maria di Leuca, Massimo Colosso, Mario Lombardo, direttore Dipartimento Beni Culturali – Università del Salento, Giuseppe Libero Mangieri, responsabile Servizio Territoriale per i Beni Numismatici-Soprintendenza Archeologia della Puglia/Polo Museale della Puglia.

Inoltre interverranno: Lorenzo Rinaudo e Andrea Rillo, Autori del volume “Moneta Trovata – La collezione Colosso e i rinvenimenti dell’area di Ugento”, Giuseppe Sarcinelli del Laboratorio delle Evidenze Numismatiche dell’ Università del Salento – Autore della pubblicazione “Moneta Coniata – Le emissioni monetali della zecca di Uzentum”. Le conclusioni saranno di Aldo Siciliano – Docente di Numismatica Greca e Romana dell’Università del Salento.

Il volume “Le monete del Barone. La collezione numismatica Colosso di Ugento” riguarda una piccola ma significativa collezione di materiale numismatico esposta presso il Museo Colosso di Ugento. L’autore, Andrea Rillo, ha condotto uno studio finalizzato alla redazione della tesi di laurea presso l’Università del Salento che cataloga, fotografa, e inoltre, restaura le monete del Barone Colosso, curando infine l’allestimento all’interno del museo. La pubblicazione, con contributi di Lorenzo Rinaudo e Giuseppe Sarcinelli, formula delle ricostruzioni documentali anche sulla parte della collezione depredata negli anni Settanta.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.