Tempo di lettura: 1 minuto

Filippo FalcoLECCE – Il pericolo era nell’aria. I “mal di pancia” di alcuni elementi che non vogliono continuare ad indossare la casacca del Lecce sono risaputi come lo sono i loro nomi. Non ne ha fatto mistero l’avvocato Saverio Sticchi Damiani e non lo ha fatto ieri nemmeno mister Antonino Asta. Sia Filippo Falco, che Filippo Perucchini ed Abdou Doumbia ambiscono a misurarsi in realtà (per loro) più stimolanti, ma il comportamento tenuto da Falco ha dell’inverosimile. Il ragazzo che si è messo in luce tre stagioni fa proprio grazie alla società giallorossa ha abbandondonato proditoriamente il ritiro della squadra, nonostante la convocazione per il match di Coppa di stasera contro il Catanzaro.

Ecco la nota diramata dall’U.S. Lecce che ribadisce il concetto di massima severità verso chi crede di poter ricattare la società: “L’U.S. Lecce vuol rendere pubblico un comportamento intollerabile tenuto da un suo tesserato. Il calciatore Filippo Falco, sebbene convocato per la gara di questa sera con il Catanzaro, ha abbandonato senza alcuna autorizzazione il ritiro della squadra. La società non può tollerare simili comportamenti, che denotano una totale mancanza di rispetto verso la stessa, la squadra nel suo complesso e verso i tifosi leccesi, a maggior ragione se tenuti da un giocatore che è cresciuto nel vivaio giallorosso. È inverosimile il poter pensare che determinati atteggiamenti possano indurre la società a favorire una eventuale cessione a condizioni diverse da quelle stabilite dall’U.S. Lecce. Il calciatore in questione verrà multato con il massimo della sanzione possibile per fattispecie di questo tipo, previa specifica segnalazione al Collegio Arbitrale della Lega Pro.”

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.