Tempo di lettura: 2 minuti
lorusso gallipoli
Alessandro Lorusso, difensore del Gallipoli

GALLIPOLI- Le diverse motivazioni caratterizzano il pomeriggio soleggiato del “Bianco”. La Cavese vince per 1-2 sul Gallipoli e consegna ai giallorossi la terza sconfitta interna dopo quelle patite contro Grottaglie e Gelbison. La squadra campana, in superiorità numerica per tutto il secondo tempo, ha capitalizzato il power-play raddoppiando l’iniziale vantaggio di Platone, maturato due minuti dopo l’espulsione di Gianmarco Rizzo, sanzionato dal direttore di gara con il cartellino rosso per un fallo da ultimo uomo. La sconfitta comunque non ha cancellato gli applausi del pubblico del “Bianco”, che ha tributato il giusto sostegno ai giallorossi per tutta la durata del match.

La partita– Le grandi assenze da entrambe le parti (Rosato, P.Rizzo, Legari e Di Maira per il Gallipoli, De Rosa, Ausiello, Lucchese e Marzullo sul fronte cavese) hanno condizionato la partita, a sua volta moderata anche dal forte caldo; il risultato è stato un avvio singhiozzante con poche occasioni, fatta eccezione l’iniziativa di Marangon al 4’. A rompere gli indugi ci ha pensato mister Mangiapane, oggi in campo dal 1’ a supporto di Sopcic: al 28’ una sua giocata mette in movimento Sopcic, palla per Mariano e tiro alto. La maggiore pericolosità del Gallipoli, con qualche iniziative di Negro stoppata dalla difesa, non porta frutti; diverso discorso per la prima vera occasione ospite: fallo da ultimo uomo di Rizzo su Palumbo punito con l’espulsione e vantaggio sulla conseguente punizione, messa dentro da Platone. In apertura di ripresa Mangiapane prova la soluzione balistica con il solito calcio piazzato ma Napoli s’oppone. Un misfatto per un intervento di Varchetta su Negro, con il difensore biancoazzurro non punito dall’arbitro con l’espulsione, fa da preludio al mezzogiorno di fuoco tra Mangiapane e il portiere cavese Napoli, bravo a disinnescare le bombe del 37enne di Alcamo per due volte tra il 12’ e il 13’. Nel più classico dei contropiedi, poco dopo, la Cavese conquista il raddoppio: contatto tra Palumbo e Gabrieli in area, calcio di rigore e realizzazione di Platone. Mangiapane si vede parare la propria conclusione per la quarta volta da Napoli ma al 35’ Lorusso accorcia le distanze traducendo un rete un servizio in area. Nei minuti finali, stoicamente, il Gallipoli prova l’assalto al pari ma è la Cavese a gettare al vento il potenziale 1-3 con Suriano. Gli ospiti danno linfa al sogno play-off con questa vittoria, per il Gallo rimane la bella prestazione, apprezzata dai tifosi presenti.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.