Tempo di lettura: 2 minuti
Salvi esulta 2-1 Messina
Stefano Salvi, centrocampista U.S. Lecce

LECCE (di Car. Tom.) – Avanti tutta dando sempre il meglio in ogni singolo allenamento, in ogni singolo momento della partita e in tutte le occasioni dove serve, perché solo così si arriva fino in fondo, lottando. Cosa che meglio sa fare, Stefano Salvi: “Era da un paio di partite che facevamo fatica -spiega il 28enne centrocampista romano- a fare gol, anche se guardando i video e rivedendo le partite le occasioni le avevamo, ma non riuscivamo a concludere. Ora si è sbloccato sia Mosca che Gustavo e fortunatamente sono arrivati anche i tre punti. Se io meritavo il gol? Eh sì, (sorride, ndr) ci ho provato in un paio di occasioni e alla terza ero stanco, ma va bene lo stesso anche se non ho fatto gol. Non lo dico giusto per dire, ma la cosa importante della gara di sabato è che si siano sbloccati gli attaccanti e che sia arrivata la vittoria”.

BELLI CARICHI – La prossima partita allo stadio “Ceravolo” di Catanzaro, in programma alle 16, non sarà delle più facili: “Sabato pomeriggio sarà ancora più difficile per noi, perché loro sono una squadra in salute e ci aspettano sempre con piacere, come tutte le squadre che ci incontrano (ride, ndr). Ricordo l’anno scorso fu molto dura e Papini venne anche espulso. C’è un ambiente che vorrei sempre evitare e c’è un’aria pesante. Contro di noi, comunque, ci mettono tutti il veleno e ci affrontano come se fosse la partita della vita. Bisogna essere sempre coerenti e concentrati: in questo momento non pensiamo a guardare la classifica. Ci siamo promessi di dare il meglio fino alla fine. Il gruppo sta bene, quando si vince si è più carichi e si lavora meglio in settimana. Pochi tifosi contro l’Aversa? La loro presenza per noi è importante, domenica ce ne erano pochi, ma dipende dai punti di vista. C’è chi sostiene sempre la squadra e chi invece lo fa solo quando si vincono un paio di gare di fila o chi viene solo nelle partite di cartello. Non sta a me giudicare se fanno bene o male..”.

NIENTE CALCOLI – Non bisogna guardare la classifica, ma pensare solo a vincere: “Nella corsa verso i playoff siamo un gruppetto che include Matera, Juve Stabia, Casertana e Foggia. Dovremo giocare solo con il Foggia in casa e speriamo che fino ad allora loro saranno fuori e non avranno nulla da chiedere al campionato. In queste prossime tre partite, a mio parere, si deciderà un po’ tutto e si capiranno le distanze.  Non dobbiamo fare proclami dopo la vittoria con l’Aversa, ma pensare solo ai tre punti”.

Qui di seguito il video con le dichiarazioni del giocatore giallorosso nella  conferenza di oggi tenuta al “Via del Mare”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.