Tempo di lettura: 4 minuti
Ant
Ant Lecce

LECCE – Presente in Puglia dal 1988 e a Lecce in particolare dal 2004, Fondazione ANT Italia Onlus è la più ampia realtà non profit in Italia per l’assistenza socio-sanitaria domiciliare gratuita ai malati oncologici. Si occupa cioè di garantire ai sofferenti di tumore, in maniera completamente gratuita, una vera e propria ospedalizzazione tra le pareti di casa, con tutte le idonee cure mediche e un’assistenza socio-sanitaria il più possibile globale, sia per il malato che per la sua famiglia.

L’Ospedale Domiciliare Oncologico di Fondazione ANT a Lecce è stato presentato oggi alla stampa da Raffaella Pannuti, presidente di ANT: “L’alta specializzazione che abbiamo raggiunto nella cura dei Sofferenti di tumore a domicilio nasce da un’esperienza ultra trentennale maturata in tutta Italia. Ma i valori etici, l’idea dell’umanizzazione delle cure, il Sofferente e la Famiglia al centro dell’assistenza, in pratica l’Eubiosia – la dignità della vita – è l’insegnamento che il nostro Fondatore, il professor Franco Pannuti, ci ha trasmesso e che rende innegabilmente diverso e unico il nostro intervento. I volontari, che affiancano la nostra équipe di professionisti sanitari, sono i promotori di questa ‎idea innovativa dell’Eubiosia tra la gente e per la gente”.

La Fondazione opera con 20 équipe medico-sanitarie (dei veri e propri Ospedali Domiciliari Oncologici) in 9 regioni italiane. Tra queste la Puglia è quella che può contare su una maggior presenza di ANT, con 6 ODO e circa 4.000 persone in media assistite all’anno, subito seguita dall’Emilia-Romagna dove la Fondazione è nata 37 anni fa.

A oggi l’équipe ANT di Lecce può contare su 3 medici, 4 infermieri ed 1 psicologa. A questo nucleo si andranno ad aggiungere a breve un medico e due infermieri attualmente in formazione.

I numeri dell’assistenza sono in costante crescita: i pazienti assistiti dall’ottobre 2014 a fine anno sono stati 80, di cui 60 sono nuovi ingressi (solo nel mese di dicembre sono state effettuate 27 prime visite). Attualmente sono 63 i sofferenti assistiti ogni giorno dall’équipe di Fondazione ANT a Lecce.

L’assistenza garantita da ANT consente al malato di ricevere a casa propria tutte le cure necessarie tra cui – nei casi che lo richiedono – interventi importanti come l’inserimento del PICC (Peripherally Inserted Central Catheter) un catetere venoso centrale inserito sotto guida ecografica che favorisce la somministrazione di farmaci, di liquidi e di nutrizione parenterale, intervento abitualmente realizzato in ospedale. Dal mese di ottobre a fine anno 13 assistiti ANT hanno potuto usufruire a casa di questo servizio gratuito.

L’attività dello staff medico-sanitario è sostenuta grazie al lavoro di un folto gruppo di volontari che mettono a disposizione il proprio tempo per l’organizzazione di manifestazioni, campagne di raccolta fondi e per offrire supporto logistico.

La Fondazione- La Fondazione ANT Italia Onlus opera in nome dell’Eubiosia (vita in dignità). Dal 1985 ad oggi ANT ha assistito, in modo completamente gratuito, oltre 100.000 Sofferenti oncologici (dato aggiornato al giugno 2014). In 9 diverse regioni italiane, oltre 4.250 malati vengono assistiti ogni giorno a domicilio da 20 équipes di operatori sanitari ANT che assicurano, al malato ed alla sua famiglia, tutte le necessarie cure di tipo ospedaliero e socio-assistenziale. Sono complessivamente circa 400 i professionisti che lavorano per la Fondazione (medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, operatori socio-sanitari e funzionari) cui si affiancano circa 1.800 Volontari, iscritti nel registro ANT. Il supporto affronta ogni genere di problema nell’ottica del “benessere globale” del malato. La Fondazione ANT è inoltre fortemente impegnata nella prevenzione oncologica, con progetti di diagnosi precoce del melanoma, delle neoplasie tiroidee, ginecologiche e mammarie. Dall’avvio dei progetti nel 2004 sono stati visitati gratuitamente oltre 96.000 pazienti in 68 diverse province italiane (dato aggiornato al giugno 2014). Le campagne di prevenzione si attuano sia presso strutture sanitarie offerte gratuitamente ad ANT, sia negli ambulatori ANT, sia all’interno dell’ambulatorio mobile – BUS della prevenzione. Il mezzo, dotato di strumentazione diagnostica all’avanguardia (mammografo digitale, ecografo e videodermatoscopio) consente di realizzare sul territorio visite di prevenzione nell’ambito dei vari progetti ANT. La Fondazione ANT opera in Italia attraverso 120 Delegazioni, dove la presenza di Volontari è molto attiva. Alle Delegazioni competono, a livello locale, le iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi e la predisposizione della logistica necessaria all’assistenza sanitaria domiciliare.Prendendo come riferimento il 2013, ANT finanzia la maggior parte delle proprie attività grazie alle erogazioni di privati cittadini e alle manifestazioni di raccolta fondi organizzate (56%) al contributo del 5×1000 (11%) a lasciti e donazioni (7%). Solo il 18% di quanto ANT raccoglie deriva da fondi pubblici. ANT è la decima Onlus nella graduatoria nazionale su oltre 35.000 aventi diritto nel medesimo ambito.

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato integralmente così come è giunto in Redazione. Pertanto il contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di “Leccezionale”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.