Tempo di lettura: 3 minuti

TOPFLOPLECCE (di Carmen Tommasi) – Affondato, surclassato e umiliato per la terza volta di fila. Il Lecce esce sconfitto anche dallo stadio “Enzo Mazzella” di Ischia: una doppietta su rigore di bomber Nicola Ciotola risponde al bel gol dell’illusione di Mariano Bogliacino che aveva portato i giallorossi in vantaggio al 4′ del primo tempo. La squadra di Franco Lerda perde così il terzo match di fila, e in malo modo, e sprofonda al quinto posto in classifica a meno 9 dalla capolista Salernitana. Prestazione scialba, senza cuore e inconsistente quella dei giallorossi, in cui sono venuti meno coloro che dovevano essere i protagonisti della partita. Gara in cui l’ex Toro ha proposto per la prima volta in questa stagione il 4-3-1-2, lasciando fuori due titolari come Alessandro Carrozza e Abdou Doumbia. Attacco e centrocampo da rivedere, con qualche pedina (soprattutto in avanti) da far arrivare necessariamente da parte del diesse Antonio Tesoro con la riapertura del calciomercato di gennaio. Adesso, però, il tecnico giallorosso rischia l’esonero: come diceva qualcuno, quindi, “ai posteri l’ardua sentenza”.

DIFESA

Top – Loquace, allegro e trascinatore nato fuori dal campo, mentre dentro il rettangolo verde Giuseppe Abruzzese è un leone che ruggisce contro gli avversari di turno, anche se dalle sue parti contro i campani di Agenone Maurizi “Abru” è stato poco impegnato e ha anticipato le vacanze natalizie concesse da Franco Lerda. L’ex Crotone cerca e sfiora il gol di testa su corner e sul finale va a fare l’attaccante aggiunto. Uno come lui vale doppio.

FlopWalter Lopez con un tocco ingenuo di mano in area di rigore spezza gli equilibri del gioco e agli avversari viene concesso il primo calcio di rigore della giornata che spezza le gambe al Lecce, con Ciotola che dagli undici metri spiazza Nicholas Caglioni. Per il resto, tanta corsa (spesso a vuoto), tanti palloni sprecati e poco altro. Annebbiato. GARANZIA ABRUZZESE, S.O.S. LOPEZ E …  NON SOLO.

CENTROCAMPO

Top – Lui non delude mai o quasi. Il Mariano Bogliacino trequartista segna un bel gol, in una di quelle giocate che restano un lusso per la Lega Pro su invito del brasiliano Gabriel Sacilotto. Sicuramente non strafà, ma almeno è uno dei pochi che ci mette buona volontà e carattere. E poi, più vicino alla porta è sempre pericoloso. Vecchietto terribile.

Flop Romeo Papini era il “re” incontrastato del centrocampo giallorosso, il giocatore con il sorriso sempre acceso, tutto corsa, polmoni e giocate di lusso per i suoi, ma il “Papo” dopo l’infortunio dello scorso ottobre a Castellammare di Stabia non è più tornato quello delle prime partite e soprattutto quello dello scorso campionato. Desaparecido. Risulta negativa in mediana, però, non solo la prestazione dell’ex Carpi, perchè anche il brasiliano Filipe Gomes Ribeiro ne “combina” delle belle, compreso il tocco di mano per il secondo calcio di rigore, regalo natalizio per gli avversari, spaesato e incostante. Meno male, invece, il connazionale Gabriel Sacilotto che almeno si limita a non fare danni.  BOGLIA”, ILLUSIONE AGRO-DOLCE. CERCASI IL VECCHIO PAPINI.

Miccoli, leccezionale.itATTACCO

Tutti flop Luigi Della Rocca, schierato questa volta titolare accanto a Fabrizio Miccoli, continua con il suo digiuno dal gol e anche quando può rendersi decisivo sbaglia clamorosamente. Non è un giocatore da doppia cifra per caratteristiche e curriculum (e questo è risaputo), ma 1 rete in 12 presenze è davvero poco se si gioca in una squadra che si chiama Lecce, anche se di palloni giocabili gliene sono arrivati davvero pochi. Fabrizio Miccoli, parte anche lui dal primo minuto, si muove tanto, fa il capitano e prova a dire la sua, ma da qui a risultare decisivo ce ne passa. Non si salva nemmeno lui. ATTACCO NON PERVENUTO, IN VACANZA ANTICIPATA.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.