Tempo di lettura: 2 minuti
Giulio Donati
Giulio Donati

LECCE (di Massimiliano Cassone) – Giulio Donati, il difensore di Pietrasanta classe 1990, che nella stagione 2010-’11 ha vestito la casacca del Lecce, collezionando 14 presenze, ora è in forza al Bayer Leverkusen e, nell’ultima gara della ex Coppa Campioni, vinta dai tedeschi per 2-0 contro lo Zenit, ha siglato il suo primo gol nella massima competizione europea per club. Ieri sera, l’ex giallorosso è stato ospite telefonico durante la puntata di San Martino nel programma televisivo della nostra testata, Leccezionale Tv, in onda ogni martedì alle 21:00 su TeleSalento.

Donati ha parlato di passato, presente e futuro.

Primo gol in Champions – “Una bellissima emozione che non dimenticherò mai. L’importante era vincere la gara contro lo Zenit, poi lo abbiamo fatto anche con un mio gol e quindi sono contentissimo. Però dobbiamo pensare soltanto a fare bene nel girone”.

Lecce ieri, oggi e domani – “Conservo un ottimo ricordo della mia esperienza nel Lecce; emozioni incredibili culminate con la salvezza. Seppur abbia giocato soltanto 14 gare, neppure tutte da titolare, è stato un anno per me indimenticabile. Lecce è una città bellissima e ricordo con molto affetto il calore dei tifosi. Fosse per me sarei rimasto, poi si decise diversamente e tornai all’Inter. Delle sorti di questo Lecce so poco, soltanto la classifica onestamente, ed è un campionato combattuto. Non amo fare pronostici, anzi ogni qualvolta mi chiedono di farli, rispondo con i debiti scongiuri (sorride, ndr)”.

Donati maglia del LecceSerie A e Bundesliga – “Sono due realtà diverse: in Germania c’è molta organizzazione e non si lascia nulla al caso, all’improvvisazione, a cominciare dagli stadi di proprietà dei club, agli investimenti sui vivai con la conseguente valorizzazione dei giovani. In Italia il livello si è abbassato, è vero, per quel che mi riguarda non penso di ritornare in patria a breve, seppur mi manchi l’Italia e la mia Pietrasanta. Gli italiani emigrano per giocare in altri campionati perché vengono ingolositi dagli ingaggi più alti e dalle prospettive diverse di carriera. All’estero il più delle volte, oggi come oggi, le offerte sono il doppio o il triplo rispetto a quelle che si possono ricevere in Italia”.

Nazionale- “Non è un mio pensiero fisso, sono sincero. Se dovesse arrivare una convocazione la accetterei di buon grado ma, ripeto, al momento penso soltanto a fare bene con la maglia del Leverkusen. Qui sto bene, voglio fare bene e poi gioco in Champions il che per me è meraviglioso. Ho qualche difficoltà con la lingua e quindi parlo poco coi compagni se non in inglese, ma col tempo migliorerò”.

La promessa – “Non appena sarò a Lecce, prometto di venire a trovarvi in trasmissione, per me sarà un piacere essere vostro ospite”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.