Tempo di lettura: 2 minuti
SvicatRagusa
I Leoni verdi festeggiano

RAGUSA – Iniziano a prenderci gusto i “ leoni verdi ” che sbranano il Padua ed espugnano Ragusa; termina 13-34 l’incontro. Dopo un primo tempo pressoché equilibrato, mentre nella ripresa gli uomini di Peens sono molto più incisivi, ai padroni di casa non bastano i tentativi di impennare l’orgoglio e alzano le mani al cielo di fronte ad un avversario più determinato che incomincia a trovare il gioco sperato. Da segnalare l’esordio stagionale nella Svicat, in prima squadra, di Giacomo Civino e quello assoluto in Serie B di Gianmarco Capoccia.

PRIMO TEMPO – La Svicat incomincia con Paolo D’Oria in panchina, mentre  sulle fasce ci sono Luigi Maci e Fabio Pagliara, Danilo Santillo va in cabina di regia. I padroni di casa partono forte e dopo pochi minuti vanno in vantaggio con un piazzato ma i salentini a testa alta e con il “piedone fatato” di Coach Peens pareggiano dopo pochi giri di orologio. Poi salgono in cattedra e vanno in meta con Fabio Pagliara, abile a raccogliere l’ovale da Santillo e volare in zona punti. Dalla piazzola il destro di Peens mette a segno il piazzato. I salentini trovano ancora tre punti con Peens dalla piazzola prima di subire il ritorno del Padua che mettono a segno prima una meta e poi un piazzato con Giuseppe Iacono. Sul 13-13  però la Svicat emette il ruggito che risulterà determinante per le sorti dell’ incontro; Luigi Maci mette a segno una bellissima meta frutto di una bella azione partita da Santillo. Peens non sbaglia e il primo tempo termina per 20-13 per la Svicat.

SECONDO TEMPO – I “ leoni verdi ” sentono l’odore della seconda vittoria consecutiva dopo un avvio di campionato  poco felice e tornano in campo ruggendo. C’è poco da fare per il Padua che cerca con orgoglio di contenere i danni e riprendere la gara in mano, senza riuscirci.

I ragazzi di Peens (che non sbaglia il piazzato successivo) trovano subito la meta con Giuseppe Cuscito prima e una con Dario Panaro, sugli sviluppi di una mischia. Termina così con una bella soddisfazione per Peens e i Camilli Boys che possono guardare al futuro con gli occhi dell’ottimismo.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.