Tempo di lettura: 2 minuti

imagesSi chiude sasera la nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, la terza e ultima sotto la direzione artistica di Marco Muller. Stavolta i film vincitori nelle quattro sezioni principali sono stati scelti direttamente dal pubblico, un giudizio popolare che non ammette repliche. Nella sezione Cinema d’Oggi, l’ex concorso principale, il premio per il miglior film va a “Shier gongmin-12 Citizens” di Xu Ang.

Nella sezione più prestigiosa, Gala, che ha ospitato pellicole di registi e attori di chiara fama se non vere e proprie star (come Kevin Costner o Ben Affleck) trionfa “Trash” di Stephen Daldry. Mondo Genere, la sezione dedicata alle anteprime mondiali, internazionali o europee di pellicole che trattano vari generi cinematografici, vede la vittoria di “Haider” di Vishal Bhardwaj. Nella sezione Prospettive Italia il pubblico ha premiato nella categoria lungometraggi il film “Fino a qui tutto bene” di Roan Johnson, nella categoria documentari è stato scelto come vincitore “Looking for Kadija” di Francesco G. Raganato.

Uno dei due premi assegnati da giurie non popolari è il TaoDue Camera d’Oro alla migliore opera prima -giuria presieduta da Jonathan Nossiter (regista) e composta da Francesca Calvelli (montatrice), Cristiana Capotondi (attrice), Valerio Mastandrea (regista, attore, produttore) e Sydney Sibilia (regista)- assegnato ad Andrea Di Stefano regista di “Escobar: Paradise Lost” (Gala), Laura Hastings-Smith produttore di “X+Y” di Morgan Matthews (Alice nella città); menzione speciale a “Last Summer” di Lorenzo Guerra Seragnoli (Prospettive Italia).  L ‘altro premio assegnato da una giuria non popolare è il Premio DOC/IT al Migliore Documentario italiano. La giuria presieduta da Federico Schiavi (produttore) e composta da Valeria Adilardi (produttrice), Mario Balsamo (regista), Ilaria De Laurentiis (montatrice) e Paolo Petrucci (regista e montatore) ha assegnato il premio a “Largo Baracche” di Gaetano Di Vaio (Prospettive Italia); menzione speciale a “Roma Termini” di Bartolomeo Pampaloni (Prospettive Italia).

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.