Tempo di lettura: 2 minuti

beneventoPerde ancora la Svicat, questa volta a Benevento, ed accade dopo una buona gara giocata dai “Leoni verdi” che avrebbero meritato di più.

Paolo D’Oria parte dalla panchina con Rapanà e Stano in campo dal primo minuto. Partono bene i padroni di casa che, dopo pochi minuti, approfittano di una disattenzione dei salentini realizzando la prima meta di giornata (Fragnito poi non centra i pali). Gli evergreen provano a reagire ma Peens non trova i pali su calcio piazzato. I biancazzurri insistono e, poco prima dell’intervallo, trovano la seconda meta di giornata trasformata poi da Andrea Fragnito.

Sotto per 12-0 alla fine del primo tempo, la Svicat rientra in campo con un piglio diverso: Gert Peens, dalla piazzola, trova per due volte i pali e rimette in scia la propria squadra che, per 15 minuti, mette in seria difficoltà i padroni di casa. Nel momento migliore della Svicat, però, arriva la terza meta di giornata per i campani che quindi si portano prima sul 17-6 e poi, grazie a Fragnito, sul 19-6. I salentini si riversano nella metà campo dei beneventani trovando altri tre punti dalla piazzola con Gert Peens; sul 19-9 però il Benevento si riversa nella metà campo ospite e, quasi allo scadere, trova la quarta meta della partita ( che consente ai biancazzurri di portare a casa i 5 punti). Fragnito, da posizione centrale, trova i pali e risultato quindi fissato sul 26-9. La partita, di fatto, finisce qui. La Svicat torna nel Salento con zero punti all’attivo ma con la sensazione di essere sulla strada giusta. Da segnalare, negli ultimi dieci minuti di gioco, l’esordio stagionale di Paolo D’Oria, al rientro da un infortunio occorso nel precampionato.

Fabrizio Camilli, Foto di Paolo Tauro
Fabrizio Camilli, Foto di Paolo Tauro

Fabrizio Camilli – Al termine della gara  Il Direttore Generale Fabrizio Camilli, analizza in modo lucido la gara e quest’inizio di campionato non certo bellissimo: “La buona prova dei miei ragazzi, ricca di voglia di fare e di orgoglio, mi convince che la squadra è sulla strada giusta. Sono convinto che, con le giuste motivazioni, la Svicat potrà e saprà dire la sua in questo campionato”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.