Tempo di lettura: 5 minuti
10675752_10203463357077111_329035102613299613_n
La gioia incontenibile di Papini dopo il gol

LECCE (di Massimiliano Cassone) – Ore 20.45, lo spezzatino è servito; cena a base di calcio al Via del Mare, in una sfida affascinante che riporta alla mente ricordi targati serie A. Il Lecce di mister Lerda contro la Reggina dell’ex Ciccio Cozza; Miccoli contro l’ex Di Michele, chi più ne ha più ne metta. Le due squadre danno vita ad un incontro molto interessante. Nei primi 15 minuti c’è un sostanziale equilibrio, poi il Lecce impone la sua legge e diventa padrone del campo. I giallorossi vincono per 2-0, gol di Papini e Miccoli, con una prestazione che convince e lascia ben sperare per il futuro. La squadra salentina sale a 7 punti in classifica.

PRIMO TEMPO – La Reggina arriva a Lecce per offendere e non certo per difendere e schiera uno sbarazzino 4-3-3 con Kovacsik; Maimone, Crescenzi, Camilleri, Di Lorenzo; Dall’Oglio, Rizzo, Armellino; Insigne, Masini, Di Michele.

Lerda invece veste il suo Lecce col 4-4-2 con Miccoli che torna in campo dal primo minuto a fare coppia con Della Rocca in avanti; in porta c’è Caglioni, Martinez a destra con Sacilotto e Abruzzese centrali e Lopez a sinistra; centrocampo con il duo Papini e Salvi a ringhiare e Carrozza e Doumbia sulle fasce.

La Reggina parte forte e tenta di prendere le redini del gioco in mano e al 5° minuto su un calcio d’angolo battuto da Insigne, Masini di testa va vicino al gol. Un minuto dopo è il Lecce a collezionare la prima azione pericolosa; su un corner battuto dal capitano, Della Rocca, trattenuto da Camilleri, batte a rete ma il pallone si spegne fuori. I giallorossi recriminano per il calcio di rigore ma per l’arbitro non ci sono gli estremi per concedere la massima punizione. Al minuto 12, Rizzo ferma Miccoli in modo poco convenzionale sulla trequarti in zona d’attacco per il Lecce, ma per il signor Piccinini non è nemmeno punizione. La gara è gradevole ed è giocata da entrambe le compagini a viso aperto. Al 18°, dopo un ottimo fraseggio sulla fascia destra, prova il tiro Abruzzese ma va fuori. Trenta secondi dopo sul calcio d’angolo battuto da Miccoli, Abruzzese impatta di testa e colpisce la traversa, la sfera termina sui piedi di Papini che tira la bomba senza trovare fortuna. Il Lecce cresce col passare dei minuti. Al 23° brivido per i padroni di casa; liscio di Martinez e per Di Michele si apre una prateria entra in area batte a rete ma la palla danza nei pressi della porta di Caglioni e nessuno riesce a metterla dentro. Tre minuti dopo occasione gol per il Lecce, Doumbia passa a Lopez che mette in mezzo, sponda di Carrozza e Miccoli di testa manda alto sopra la traversa.  Al 28° Carrozza ci prova da fuori ma la difesa devia in angolo; il corner lo calcia Miccoli, la sfera arriva in mezzo e Papini in modo imperioso batte a rete; esplode il Via del Mare, il Lecce è in vantaggio.

10710603_10203463358197139_2302965659626288391_n
Miccoli festeggia il gol coi compagni

I padroni di casa suggellano con la marcatura il bel gioco espresso negli ultimi dieci minuti e nonostante il gol continuano a martellare e al 31° dopo una triangolazione Miccoli-Doumbia, il franco maliano si trova a tu per tu col portiere avversario ma non riesce a concretizzare. Tre minuti dopo, ottima azione partita dai piedi di Salvi che recupera la sfera in difesa e fa partire i compagni, dopo una corsa di venti metri Papini prova il missile dai 25 metri ma la palla vola alta sopra la traversa. Il Lecce è padrone del campo. Dopo un minuto di recupero termina il primo tempo con i giallorossi meritatamente in vantaggio.

SECONDO TEMPO – Cozza incomincia la seconda frazione di gioco con un cambio, esce Di Michele ed entra Louzada. Al 49° grande calcio al Via del Mare; Lopez fraseggia con Doumbia, la freccia nera scatta e in velocità punta gli avversari, entra in area sull’esterno e serve dalla parte opposta Carrozza, il gallipolino serve Miccoli in mezzo all’area, il capitano danza sulla palla e tira la botta secca che non lascia scampo a Kovacsik: 2-0 per il Lecce. Al 54° primo cambio per i salentini, esce Carrozza ed entra Mannini. Un minuto dopo Papini serve in profondità Miccoli che scatta ma viene atterrato in modo plateale da Camilleri ma per l’arbitro non c’è fallo, abbastanza vibrate le proteste giallorosse. Al 64° Papini serve Della Rocca sfruttando un enorme buco difensivo, l’ariete brindisino si gira, conclude al volo e regala l’illusione ottica del gol ma la sfera accarezza la parte esterna della rete. Passano sessanta secondi e Chini richiama Miccoli e manda in campo Moscardelli, standing ovation per il capitano.

Cozza risponde gettando nella mischia Viola, un attaccante e richiama in panchina un difensore, Crescenzi e passa al 4-2-4 tentando di riacciuffare la gara oramai compromessa.

10672236_10203463354317042_8568438823433959793_n
L’ex Di Michele applaudito dai tifosi

I padroni di casa continuano comunque a giocare con il 4-2-4 in fase offensiva nonostante il doppio vantaggio che sembra non appagare ancora il tecnico Lerda. Al 74° Moscardelli mette in mezzo una punizione velenosa ma i calabresi si salvano in angolo. Alla mezz’ora, Abruzzese è costretto a lasciare il campo per infortunio, entra Carini. Buono l’approccio alla partita di Moscardelli che si produce in buone giocate.

La sfida termina dopo 3 minuti di recupero consegnando ai tifosi del Lecce una squadra che, dopo le prime prestazioni poco convincenti, passeggia sull’avversario facendo vedere un bel gioco. Nemmeno il tempo di metabolizzare la vittoria che domani mattina Miccoli e compagni saranno già in campo per preparare la gara contro il Savoia di mercoledì che si giocherà a Torre Annunziata alle ore 20:30.

TABELLINO

LECCE – REGGINA 2-0

Lecce (4-4-2): Caglioni; Martinez, Abruzzese (75° Carini), Sacilotto, Lopez; Carrozza (54° Mannini), Salvi, Papini, Doumbia; Miccoli (64° Moscardelli), Della Rocca. A disposizione: Petrachi, Donida, Rosafio, Rullo. Allenatore: Giacomo Chini (Lerda squalificato).

Reggina (4-3-3): Kovacsik; Maimone, Crescenzi (65° Viola), Camilleri, Di Lorenzo; Dall’Oglio, Rizzo, Armellino; Insigne, Masini, Di Michele (46° Louzada). A disposizione: Leone, Ungaro, Adriano, Maita, Salandria, Syku. Allenatore: Francesco Cozza.

Arbitro: Marco Piccinini di Forlì

Assistenti: Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore e Antonio Quitadamo di Modena

Ammoniti: 15° Miccoli (L), 37° Dall’Oglio (R), 42° Di Lorenzo (R), 79° Martinez (L), 80° Maimone (R)

Marcatori: 28° Papini (L), 49° Miccoli (L)

Spettatori paganti: 2465

Abbonati: 2228

Totale spettatori: 4693

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.