Tempo di lettura: 2 minuti

Sant'Oronzo lunaLECCE – La festa patronale in onore dei Santi Oronzo, Giusto e Fortunato resta uno degli appuntamenti più attesi dell’estate leccese. Oggi si chiudono ufficialmente i festeggiamenti civili e religiosi in onore dei patroni. Una fragorosa salve ha salutato fino a questa mattina i giorni di tradizionale festa grande in Contrada Masseria Grande, la stessa luogo dove si svolgerà lo spettacolo di fuochi pirotecnici stanotte alle ore 00:30.

I giorni di festa rappresentano per i leccesi lo spartiacque della stagione estiva. In molti scelgono di rientrare dalla villeggiatura al mare proprio per riverire l’amatissimo Sant’Oronzo, mentre per molti altri ancora coincidono con la chiusura delle ferie e la ripresa delle normali attività del resto dell’anno.

Tra poche ore passerà negli annali anche l’edizione 2014 della “festa noscia“, come la chiamano i leccesi doc, caratterizzata dalla protesta degli ex operai BAT che hanno interrotto il normale procedere della processione delle statue dei tre protettori della città. Ma, ad ogni modo, nessuno rinuncia ai “rituali” della partecipazione alla stessa processione, all’assistere al momento in cui le (sempre meno) luminarie a led vengono accese per restarlo fino a questa notte o alla caotica (è un vero ed imperdibile must…) passeggiata a guardare le mercanzie esposte sulle bancarelle dei commercianti ambulanti.cupeta

I più piccoli, forse i veri protagonisti delle feste con il loro incanto e genuina meraviglia, ricevono i gadget del momento, altri portano a casa magari un palloncino mentre per qualcuno spesso vola in cielo lasciando i bimbi col naso all’insù ad inseguire almeno con lo sguardo il volo di quel regalo tanto atteso.

Immancabile inoltre l’appuntamento con le decine di venditori dei tanti peccati di gola che consistono nell’acquisto del torrone appena cotto (la cupeta in leccese), delle mandorle e delle noccioline pralinate,  Mentre per i non amanti del genere, restano sempre di moda le noccioline, i semi di zucca tostati e ogni altro ben di Dio che la natura possa offrire in termini di frutta secca.

wheelAltra tappa inevitabile resta per migliaia di leccesi e turisti il Luna Park allestito nei pressi dello stadio “Via del Mare“. Il servizio di bus navetta consente di arrivarvi a tutti gli amanti del folle divertimento, nonché della musica a mille decibel, del brivido della velocità e dello svago a bordo delle giostre più sfavillanti ed attraenti.

Per i melomani, infine, le giornate del 24, 25 e 26 agosto coincidono con l’ascolto attento e partecipe alle arie proposte dai vari concerti bandistici all’interno della Cassa armonica allestita per l’occasione.

Trovare un parcheggio è già di per sé un’impresa durante tutto l’anno, ma in queste giornate è risultato un mezzo miracolo riuscire ad avvicinarsi al centro storico di Lecce dov’è il cuore della festa. Tranquilli, sta per finire. Da domani si penserà alla prossima edizione della “festa noscia“…

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.