Tempo di lettura: 3 minuti

foto-3SQUINZANO (di Carmen Tommasi) – Si sentiva già tutto del Lecce anche quando era senza contratto. Aveva voglia di continuare ad essere importante già dal ritiro pre-campionato. Non ha mai pensato di fare le valigie e salutare il tanto apprezzato Salento. Walter Lopez ha giurato amore alla maglia giallorossa e ora spera che quella che sta per iniziare sia la stagione giusta per trascinare la squadra in serie B: “Durante questo periodo, prima di firmare, ero tranquillo al 99%. Volevo restare, la società era sulla stessa lunghezza d’onda e anche il mio procuratore. Ci troviamo bene tutti assieme e mi sembrava giusto continuare così. Nel calcio ci sono trattative lampo -spiega il terzino sinistro uruguaiano, 28 anni- che durano tre ore e altre che vanno per le lunghe, a me ne è toccata una molto lunga (sorride, ndr). Se avevo altre richieste? Si, mi hanno cercato diversi club, ma io volevo restare a Lecce. A chi mi ha chiamato ho dato il numero del mio procuratore, perchè non volevo sentire nessuno. In testa avevo solo voglia di ripartire con la maglia giallorossa. Quando mi ha chiamato il direttore Tesoro, gli ho chiesto subito di poter andare in ritiro anche senza contratto, perché volevo già allenarmi e dare il massimo per questa squadra, e così è stato”.

VECCHIA GUARDIA – “Vecchi” giocatori e nuovi arrivati per un obiettivo comune: “In ritiro a Saint Vincent abbiamo lavorato tanto e benissimo. Ci ha fatto bene stare in montagna tutti insieme per circa due settimane. A mio modo di vedere è stato importantissimo, da parte della società, confermare gran parte del blocco dei calciatori dello scorso anno. In più, sono arrivati elementi di altissima qualità, che ci daranno una mano importante e noi, che eravamo già qui, stiamo cercando di mettere tutti a loro agio”.

LEGA UNICA – Imparare dagli errori della passata stagione per ripartire alla grande: “Il campionato scorso è stato il primo che ho disputato di Lega Pro. L’epilogo dell’annata passata ci ha lasciato dentro un qualcosa che dovremo buttare fuori. A me piace arrivare prima al campo, fare palestra e stare coi compagni, ora dobbiamo ridurre gli errori a quasi niente, bisogna dare di più e sbagliare di meno. Ci è mancato niente per arrivare al traguardo della B lo scorso anno, ma quel niente ci è costato la promozione. Ora dobbiamo solo lavorare duro, perché vogliamo vincere e fare bene già dalla gara di domenica contro il Foligno di Coppa Italia”.

TOSTI E INCAZZ… – L’obiettivo è quello di dare il massimo per portare il Lecce dove merita: “Il gruppo è forte ed ha voglia di fare bene. Siamo tutti incazzati. Vogliamo vincere questo campionato, io e tutti i miei compagni non siamo rimasti a Lecce perchè c’è un buon clima e un bel mare. Siamo rimasti tutti qui solo per vincere. Noi siamo un bel gruppo e ci sentiamo forti: daremo tutti il 100% e anche più. Sento dire in giro che siamo i più forti, ma non abbiamo fatto ancora nulla. È sbagliato pensare che siamo i più forti, perché l’anno scorso lo si pensava e siamo ancora il Lega Pro“.

MOSCA” E CARROZZA – Il calciomercato in entrata ha portato in casa Lecce delle gradite sorprese: “Moscardelli e Carrozza? Parliamo di due giocatori di altissima qualità e so già che saranno importanti per noi. Hanno esperienza e conoscono la piazza. Fisicamente stanno bene ed hanno cominciato a lavorare prima con il preparatore e ora anche con noi con la palla. Credo che tra un po’ saranno al top della forma. Davanti  abbiamo anche Della Rocca, Miccoli e lo stesso Bogliacino. L’attacco più forte del grione? Non lo so, dico solo che ora sta al mister metterli insieme e decidere chi fare giocare. L’importante è che facciano gol, tantissime reti (sorride, ndr)”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.