Tempo di lettura: 1 minuto

terzo gol olandaFischi a Brasilia per il Brasile. La squadra verde oro sprofonda e tocca il punto più basso della sua storia calcistica e annega nelle lacrime dei propri tifosi umiliati nel più profondo dell’anima; il calcio in Brasile non è solo uno sport ma è l’ancora di salvataggio per uno stato che combatte contro la povertà.

Perde ancora la squadra di “Filippone” Scolari e lo fa nuovamente in malo modo; doveva vincerla questa finale valida per il terzo posto, doveva primeggiare sull’ Olanda, anche soltanto per lenire i dolori dei 7 gol incassati nella semifinale contro l’indemoniata Germania. Termina tre a zero per i “Tulipani” che portano a casa (in Federazione) il premio di 18 milioni di euro.

Gli Oranje si impongono con i gol di Van Persie, Blind e Wijnaldum.

La Selecao inizia nuovamente malissimo e in più dopo due minuti subisce un erroraccio dell’arbitro che assegna un calcio di rigore inesistente; il fallo di Thiago Silva su Robben avviene fuori area, ma il sign. Djamel Haimoudi fischia la massima punizione. Van Persie non lascia scampo a Julio Cesar. Trascorrono 15 minuti di caos a centrocampo, con i brasiliani scoordinati e confusi e David Luiz, commette un errore grossolano, serve Blind che raddoppia. L’Olanda è padrona del campo senza sforzarsi nemmeno tanto e il Brasile sembra un fantasma. In panchina, affianco ai compagni, soffre anche Neymar, il grande assente, che oltre alla costola rotta subisce l’ennesimo colpo all’anima a tempo quasi scaduto: Wijnaldum cala il tris d’assi e i padroni di casa, subissati dai fischi, toccano il fondo del barile.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.