Tempo di lettura: 1 minuto

Moriero a CatanzaroLECCE – Dopo l’abbocco e le polemiche dello scorso anno, mister Francesco Moriero è tornato a sedere su una panchina… giallorossa. Guiderà infatti l’ambiziosa U.S. Catanzaro, società che lo ha scelto per migliorare ulteriormente il risultato ottenuto nella passata stagione di Lega Pro, quando la formazione calabrese è approdata ai play-off.

Giusto il tempo di smaltire la mini-delusione di non aver concluso l’accordo con la Federazione calcistica del Perù ed ecco che il popolare e sempre amato ex golden boy del calcio leccese ha di nuovo la possibilità di rituffarsi nella mischia e dimenticare le amarezze vissute la scorsa annata a Lecce. Non è mancato un accenno, stamane, durante la conferenza stampa di presentazione alle vicissitudini trascorse alla guida del club salentino appena 12 mesi fa. Moriero ha, infatti, ricordato brevemente come a Lecce lui abbia sbagliato ad ascoltare troppe “voci” ma di averci messo sempre la faccia. Da qui la dichiarazione resa ai colleghi presenti allo stadio “Ceravolo” che il suo Catanzaro sarà una squadra votata all’attacco, che prediligerà il modulo tattico 4-2-3-1 e la promessa di tirare dritto per la sua strada senza dar retta a nessuno, cercando di riportare la società ai livelli ormai da troppi anni attesi.

Lo scotto pagato con l’esonero dalla panchina leccese è un rospo che il tecnico vuol dimenticare in fretta. Coma confermato dalle frasi del presidente Cosentino e del diesse Ortoli, il Catanzaro che verrà proverà a puntare alla promozione in serie B. Lo staff tecnico che coadiuverà il tecnico vede come “secondo” D’Urso, Giordano Negretti preparatore dei portieri e Traficante in qualità di preparatore atletico.

A Checco Moriero va  un sincero e sentito in bocca al lupo da tutto il gruppo de leccezionale.it per la sua nuova avventura da allenatore.

Commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.