Tempo di lettura: 2 minuti

Mimmo De GregorioLECCE (di Gemma De Rosa) – “Pronto, Gemma? Sono Mimmo De Gregorio, non è che mi lasciate a terra, vero? Un posto per venire con voi a Frosinone me lo trovate, no?”

Ascoltando quelle parole, il mio primo pensiero, dopo avere ovviamente assicurato un posto nel pullman a colui che per tanti anni è stata “The Voice” del calcio leccese, è andato alla strofa “Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano, amori indissolubili…” cantata da Antonello Venditti. I tifosi giallorossi hanno palpitato, gioito e sofferto ascoltando l’inconfondibile ed emozionante voce di Mimmo De Gregorio che raccontava le azioni, i goal, ma anche le sconfitte leccesi nelle gare disputate dal campionato 1980/1981 fino a quello del 1996, anno della promozione del Lecce dalla Serie C alla Serie B, ma anche stagione in cui si è congedato dai supporters salentini i quali, nonostante passi inesorabilmente il tempo, continuano a dimostrargli immutato affetto e tanta simpatia.

Appese al chiodo le cuffie ed il microfono, Mimmo è ancora e sempre un tifosissimo del Lecce ed è puntualmente presente agli avvenimenti più importanti che riguardano la squadra giallorossa.

Così, in cambio del posto in uno dei pullman allestiti per la trasferta in terra ciociara, gli ho fatto raccontare la sua attesa in vista del match di domani pomeriggio allo stadio comunale “Matusa” tra il Frosinone ed il Lecce…

Mimmo De Gregorio 2Di vigilie così importanti e decisive ne ho vissute altre in passato, ma questa mi provoca sensazioni positive; si tratta di un momento quasi unico della storia del Lecce calcio: la città, ed i tifosi specialmente, meritano palcoscenici più importanti di una Lega Pro. Vengo con voi a Frosinone perché la Tribuna Stampa, in questa occasione, non fa per me. Voglio gridare, cantare ed incoraggiare insieme a voi la squadra, sperando tanto di poter eliminare dai miei ricordi quel punto nero degli spareggi a San Benedetto del Tronto che, anche a distanza di tanti anni, non riesco a cancellare. Voglio vivere questa giornata calcistica con voi che ancora continuate a volermi bene“.

Dunque, a domani, caro Mimmo. Con una sola raccomandazione: sii come sempre puntuale… la Serie B ci attende!

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.