Tempo di lettura: 2 minuti

SQUINZANO (di Carmen Tommasi) – Una qualificazione in finale playoff ancora tutta da conquistare, ma con la consapevolezza, e l’immenso desiderio, di potercela fare. Giuseppe Abruzzese analizza a freddo il prezioso 1-1, portato a casa domenica scorsa dallo stadio “Ciro Vigorito” contro il Benevento ed è già concentrato sulla gara di ritorno, match decisivo per continuare a salire sul treno serie B: “Quella di domenica scorsa è stata una gara importante, perché siamo usciti da Benevento con un risultato positivo. Anche se avremmo potuto gestire meglio il risultato. Ora ci attende –spiega il 33enne difensore centrale di Andria, ritornato a gennaio nel Salento- il match di ritorno, che ci potrà dare la possibilità di accedere alle finali e che giocheremo davanti al nostro pubblico. L’unico vantaggio in questi playoff per la squadra meglio piazzata è il fatto di giocare in casa il ritorno e questo credo sia fondamentale in una gara così importante”.

GRADINO BENEVENTO – Per la gara di ritorno, in programma alle 16:00, bisogna essere concentrati al massimo e fare la partita: “Domenica prossima dovremo avere lo stesso atteggiamento avuto a Benevento, di squadra propositiva che vuole raggiungere il risultato. In fase di possesso palla, e lo si è visto per tutto il campionato, i nostri avversari si chiudono sempre, per cui diventa difficile trovare spazi. Bisognerà avere tanta pazienza, dovremo essere bravi a leggere i vari momenti della partita, capendo quando accelerare o meno. Quale giocatore toglierei al Benevento? Preferisco parlare di collettività, perché in queste categorie difficilmente un singolo giocatore può fare la differenza. Pisa o Frosinone? Per me saranno i ciociari a passare il turno”.

CALORE “VIA DEL MARE” – L’ex capitano del Crotone sogna domenica pomeriggio uno stadio pieno come nelle grandi occasioni, lui che nella sua passata esperienza in maglia giallorossa, ha avuto modo di “assaporare” quel calore dei tifosi giallorossi: “In passato ho avuto modo di vedere di persona quanto può essere determinante l’apporto dei nostri tifosi. Se devo indicare una partita che è rimasta nella mia mente, dico Lecce-Palermo (campionato 2002-03, ndr) quando abbiamo vinto sui siciliani per 3-0 e in quella gara i nostri tifosi furono veramente fondamentali. Le gare dei playoff si giocano sul filo e molto spesso vengono determinate da piccoli episodi e per questo dico che ci vuole ancora maggiore attenzione”.

Qui di seguito, il video con le dichiarazioni del difensore di Andria, undici presenze della “regular seasion”, nella conferenza stampa di oggi al “Comunale di Squinzano”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.