Tempo di lettura: 4 minuti

_DSC4569LECCE – È stato presentato oggi in conferenza stampa il progetto di Astragali Teatro, Walls – Separate Worlds, co-finanziato dal programma Cultura dell’Unione Europea, forte di una prestigiosa rete partenariale, tra cui l’International Theatre Institute, il Teatro Pubblico Pugliese, l’Università del Salento, e itinerante in numerosi Paesi europei ed extraeuropei: Francia, Germania, Grecia, Cipro e Turchia.

Il progetto, che si avvale del sostegno dell’Assessorato alle Politiche Ambientali e dell’Assessorato alla Cultura, Spettacolo, Turismo del Comune di Lecce, apre la sua tappa italiana con una residenza artistica internazionale al Parco di Rauccio e si inaugurerà con una particolare e inedita versione di “Metamorfosi”, regia di Fabio Tolledi, domani, 22 maggio, alle ore 18.00.

Fare e vedere teatro nei luoghi naturali è un asse di lavoro per noi fondamentale, che ha alle spalle un trentennio di pratica e di ricerca – sottolinea Fabio Tolledi, regista e direttore artistico di Astragali Teatro – Una pratica che, di volta in volta, si misura con lo spirito e l’energia sottile del luogo ospite. Ancor più densa stavolta, dovendoci misurare con un luogo di incredibile bellezza come l’Oasi naturale di Rauccio e con un testo dove la natura è colta nella sua incessante trasformazione, nel suo divenire. E dove anche l’umano diviene natura, per colpa o troppo amore, per violenza o per desiderio”.

meta_02Presentiamo un iniziativa interessante” ha dichiarato l’Assessore Luigi Coclite – che rientra in un percorso già iniziato, quello di diversificare i posti dove si fa teatro. Adottiamo, dunque, il progetto Walls, di Astragali che ha la residenza teatrale al Paisiello ed è un nostro interlocutore continuo da molti anni. Riteniamo che utilizzare il Parco di Rauccio portando lì spettacoli ed eventi culturali possa essere un input importante per iniziare a ragionare in maniera differente; il teatro fuori dai luoghi teatrali, la possibilità di utilizzare spazi comuni, per iniziative di qualità che servono anche a sensibilizzare i tanti che verranno a visitare il parco, ma anche far conoscere gli aspetti della cultura italiana che sono ai più sconosciuti”.

“Il progetto di Astragali dà una grande opportunità al Parco di Rauccio. Con queste iniziativa noi riusciamo a far conoscere sempre di più il nostro territorio. È la prima volta che il Parco di Rauccio viene utilizzato in questo modo, in orari particolari, dando la possibilità ai visitatori di coglierne tutta la sua bellezza. Ringrazio Astragali che ha avuto l’idea di portare il suo teatro a Rauccio.” Queste le parole dell’Assessore Andrea Guido che ha sottolineato la necessità di rendere Rauccio un Parco vivo.

Per la prima volta, il Parco di Rauccio diviene dunque lungo teatrale, accogliente ed ospitale (in caso di maltempo gli appuntamenti si terranno nel Teatro Paisiello). E ancora una volta il progetto curato da Astragali si misurerà, a partire proprio dall’allestimento di “Metamorfosi” con la naturalità dei luoghi, con la loro infinita potenza, per un teatro “naturale e poietico”.

_DSC4529A partire da giovedì, dopo lo spettacolo di Astragali Teatro, nel Parco si susseguiranno spettacoli, incontri, confronti sul teatro d’attore e sulla nuova drammaturgia:

23 maggio, “Klossowski, Il bagno di Diana” con Aldo Marrone e, a seguire, “La grande foresta” della compagnia Thalassia;

24 maggio, “Ai margini del bosco” con Terrammare Teatro;

25 maggio, “Pulcinella e la principessa rapita”, con il Gran Teatrino Casa di Pulcinella;

26 maggio, “Antonio L. Verri. Il mondo dentro un libro”: incontro con Simone Giorgino e a seguire lo spettacolo del Teatro Le Forche, “La tragedia del dottor Faust”.

Un calendario fitto e molteplice, capace di spaziare dalla mitologia e dal teatro di figura alla letteratura e che ancora una volta si pone come una sorta di grimaldello per comprendere a fondo il ruolo ineludibile e il senso profondo del teatro nella contemporaneità.

Un teatro che nutre, dunque, “mettendo costantemente al mondo il mondo”, traccia del pensiero che segna da tempo l’ esperienza artistica e la ricerca di Astragali teatro nei progetti realizzati in questi anni nel Mediterraneo e nel Vicino Oriente. E che da quattro anni caratterizza l’esperienza in Residenza nel Teatro Paisiello con il progetto Teatri Abitati, promosso dalla Regione Puglia realizzato in collaborazione con il Comune di Lecce e il Teatro Pubblico Pugliese. Progetto, quello che di Teatri Abitati che, nel mese di maggio, si intreccerà dunque con le attività di Walls – Separate Worlds. Le attività delle residenze sono svolte inoltre, in collaborazione con Filosofia in ¾ e con lo Spazio Sociale ZEI.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.